Juventus, Agnelli ha le idee chiare sui rinnovi di Paratici e Nedved: c’è un piano

La Juventus di Andrea Agnelli valuta le posizioni di Paratici, Nedved e Cherubini, tutti in scadenza. C’è un piano pronto, che si basa sull’operato del management in scadenza.

Paratici, Nedved e Cherubini: tutti a scadenza in casa Juventus. Andrea Agnelli valuta le posizioni di tre figure chiave per i bianconeri, e sta accelerando i tempi per chiudere il capitolo senza grossi problemi. In passato si è sussurrato spesso di una rottura fra i membri dell’area management della Juve e il presidente, ma le voci non hanno mai trovato conferma.

Proprio per questo le idee di Agnelli sono chiare. Il numero uno del club dovrebbe a breve proporre a Paratici e Nedved un prolungamento nel rapporto con la società, e lo stesso farà con Cherubini. Una scelta netta, all’insegna della continuità in un momento in cui il club insegue in campionato ed ha molta carne sul fuoco. C’è da capire come muoversi per Cristiano Ronaldo e De Ligt, due pezzi pregiati della squadra da blindare, e la volontà di percorrere il cammino insieme è chiara. Anche dopo le manovre che Agnelli ha già messo in cantiere.

Leggi anche: Juventus, c’è un positivo al Covid in squadra: il comunicato del club

Juventus, Agnelli e il restyling societario: un piano che parte da Paratici e Bertola

Juventus Agnelli Paratici Nedved Pirlo
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus scelto da Agnelli (foto Instagram)

La famiglia Agnelli non vuole creare un ribaltone dirigenziale, e la distanza fra il presidente e il suo staff operativo più stretto è praticamente nulla. Il piano di Agnelli è già in atto, ed è partito con un restyling che ha diviso il club in due aree. Una più diretta al campo affidata a Paratici, affiancato da Nedved. L’altra improntata sul business che è guidata da Bertola. In questo nuovo quadro dirigenziale è fondamentale la presenza di Cherubini.

Sarà lui il collante fra le due aree bianconere, in un quadro che di certo non dovrebbe essere soggetto a nuove rivoluzioni. Proprio per questo sarà a brevissimo proposto un rinnovo ai tre membri del club in scadenza, e la sensazione è che non ci sia nell’aria nessun cambio di rotta. Neanche sul fronte allenatore, perché il club ha più volte ribadito la stima per Andrea Pirlo

Leggi anche: McKennie, Juve è tutto tuo: il centrocampista tuttofare di Pirlo

Juventus, Paratici e Nedved attendono la chiamata di Agnelli: il bilancio del loro operato

Ronaldo Juventus Paratici Nedved
Ronaldo, il miglior colpo di Paratici e Nedved alla Juventus (foto Instagram)

Agnelli ha in mente di chiudere il capitolo legato ai rinnovi di Paratici, Nedved e Cherubini, e la Juventus ripartirà da loro. Poco importano le tempistiche al presidente del club, che avrebbe già in mano l’accordo e sta ragionando sulle prossime mosse della Juve. Il cammino dei tre uomini più operativi in casa Juventus ha convinto la famiglia Agnelli, che si affiderà nuovamente ad uno staff vincente.

I colpi sono stati tanti, alcuni indovinati, altri mai del tutto convincenti, ma tutti altisonanti. Paratici è l’uomo che ha strappato al Real Madrid Cristiano Ronaldo, e che ha portato in Serie A Matthijs De Ligt. Due affari incredibili, per il migliore attaccante in circolazione e il difensore che per i prossimi 10 anni dominerà la scena in Europa. Due numeri da top player del mercato per Paratici, che in questa stagione con Chiesa ha fatto indubbiamente centro, con McKennie ha fatto bingo e attende l’esplosione di Kulusevski, cercato da tutti ma approdato ai bianconeri.

Un modus operandi che ha stupito i tifosi e gli addetti ai lavori, ma che ha anche avuto qualche blackout nelle scelte. Rabiot e Ramsey sono due operazioni sembrate in un primo momento azzeccate, perché realizzate a parametro zero. I centrocampisti però non sono mai decollati in bianconero, e la linea mediana ancora oggi risente della mancanza di figure di primissimo valore. Anche l’operazione Arthur ha fatto scalpore per i numeri nello scambio con Pjanic. Cifre altissime in un affare condotto con un occhio ai bilanci, come successo in molte altre operazioni.

Fra colpi centrati e innesti che vanno avanti fra alti e bassi, Agnelli ha una sola strada. Cambiare ora sarebbe rischioso, rinnovare con tre figure così importanti invece sarebbe il modo migliore per affrontare la rincorsa in campionato, o eventualmente per ripartire in un nuovo progetto con uno staff di grande valore già rodato in casa Juve.