Juve-Napoli, bufera social dopo il nuovo rinvio: i motivi

Juve-Napoli ha scatenato una vera e propria bufera social dopo il nuovo rinvio e lo slittamento ad aprile. Tifosi infuriati, e i motivi sono chiari.

Juve-Napoli è al centro di una vera e propria bufera sui social. Il nuovo slittamento del match ha scatenato le ire dei tifosi, che hanno cercato le motivazioni per cui i club hanno chiesto di rinviare nuovamente la partita. La data inizialmente scelta dopo il ribaltone nel 3-0 per i bianconeri, è stata quindi cancellata, e la partita in programma per il 17 marzo si giocherà il 7 aprile alle 18.45. Una scelta condivisa dalle due società e ratificata dalla Lega, che ha ufficializzato ieri il cambio.

La scelta ha creato un nuovo terremoto nei calendari, e non è stata immediatamente compresa visto che le due squadre non hanno ambizioni europee. Il motivo però è presto detto, ed ha scatenato una bufera social contro i partenopei. Intanto anche Lazio-Torino rischia di sconvolgere i piani della Lega, e i due match, caldissimi nelle posizioni calde della classifica, potrebbero cambiare il volto della Serie A.

Proprio per questo i tifosi delle 4 squadre coinvolte e i sostenitori delle rivali, ancora in lotta per l’Europa che conta e per la salvezza, hanno messo in dubbio la scelta della Lega, scatenando una dura polemica. Nel mirino c’è Aurelio De Laurentiis, vero bersaglio delle critiche

Leggi anche: Juventus-Napoli, nuovo rinvio: c’è una nuova data per il match

Juve-Napoli, bufera social: De Laurentiis al centro delle accuse dopo il rinvio e l’hashtag dei tifosi della Roma

Juve-Napoli non finisce più, e la coda mediatica dopo il nuovo slittamento ha scatenato una bufera social. Difficile da digerire un nuovo rinvio per una partita in calendario alla terza giornata d’andata. Si rigiocherà quindi ad aprile, 7 mesi dopo, e le classifiche potrebbero risentirne scatenando ancora polemiche. Nel mirino c’è nuovamente De Laurentiis, colpevole, secondo i tifosi delle squadre avversarie, di aver condizionato con le sue scelte il programma della Serie A. Lo avrebbe fatto in favore dei partenopei, senza tenere conto dei problemi che potrebbe comportare il nuovo cambio di programma.

Il Napoli infatti ci guadagna, e molto. I partenopei avrebbero infatti dovuto affrontare Milan, Juventus e Roma in 7 giorni, in un tour de force che avrebbe potuto condizionare molto il cammino di Gattuso. Con il nuovo rinvio la lotta per accedere alla prossima Champions League potrebbe essere più agevole e meno impegnativa per il club di De Laurentiis, attaccato duramente.

La nuova data del 7 aprile permette infatti a Gattuso di recuperare meglio i suoi uomini e di gestire con maggiore calma la corsa all’Europa che conta, senza dover concentrare tutto in una sola settimana. Juve-Napoli è ancora al centro di una bufera social, che non sembra placarsi.