Milan, confusione tra Ibra e Pioli: sarà scudetto o Champions?

Rinnovo Ibrahimovic annuncio
Rinnovo Ibrahimovic, annuncio imminente?(Getty Images)

Il Milan è uscito dagli ottavi di Europa League, e adesso le energie sono rivolte tutte sul campionato. Ma c’è confusione, per la Champions o per lo scudetto?

Niente da fare per il Milan, uscito sconfitto nel doppio confronto di Europa League, dal Manchester United. Partita ben giocata dai rossoneri, ma l’ingresso di Pogba ha fatto la differenza, infatti il francese ha colpito a inizio secondo tempo su una disattenzione difensiva.

Per il Milan, adesso, bisogna pensare solo al campionato, ma sembra esserci confusione sugli obiettivi. Stefano Pioli, l’allenatore rossonero, ha detto nel post-partita, che la rincorsa Champions è dura, e non ha parlato di scudetto.

Ibrahimovic, dal canto suo, aumentando difatti la confusione in casa Milan, ha invece parlato di vincere subito un trofeo quest’anno. Chiaramente è lo scudetto per lo svedese, ma evidentemente oltre a fare i conti con l’Inter, li deve fare anche con il suo mister.

Leggi anche >>> Iachini e la Sampdoria, si tratta? Ranieri non sarà contento

Leggi anche >>> Sassuolo e Berardi in attesa: l’appuntamento con la storia

Milan, guardare sempre avanti

pioli scudetto
Stefano Pioli allenatore Milan (Getty Images)

A differenza delle dichiarazioni post United che hanno generato confusione, il Milan deve solo guardare avanti. Riuscire a incanalare positivamente le emozioni della sconfitta di Europa League, seguita a quella col Napoli in Serie A, potrebbe riportare fiducia nei propri mezzi per i giocatori rossoneri.

Del resto, una squadra che il giorno della partita ha accusato ben tre stop, e che continua a essere falcidiata da infortuni muscolari, oltre ai casi di Covid che possono colpire chiunque, non può arrendersi per un momento negativo. Anche se questa fase, sta durando da un po’ di tempo, ed è la più difficile di tutta la gestione Pioli, a partire dal 2020.

Il Milan, non deve quindi cadere nella confusione, ne deve mostrare divisioni negli obiettivi da raggiungere, piuttosto è necessario avere unità d’intenti. Soprattutto, non si è mai sentito un allenatore secondo in classifica dire che non guarda avanti, ma all’indietro alla corsa Champions.

La confusione che sembra circondare il Milan, dunque, deve essere subito spazzata via con la partita di Firenze. In campionato, ci sono le squadre avversarie che corrono, e con il match dell’Inter rinviato, avvicinarsi di 3 punti porterebbe una bella iniezione di fiducia.