Dybala e McKennie non convocati: pugno duro della Juventus

Dybala McKennie Arthur
Dybala, McKennie e Arthur dividono i tifosi della Juve (Getty Images)

Pirlo ha annunciato la scelta sui calciatori coinvolti nella cena delle polemiche: Dybala e McKennie non convocati, così come Arthur. “Resteranno fuori”

La prima mossa della Juventus è arrivata. Dybala e McKennie non convocati per il derby contro il Torino. Lo ha comunicato in conferenza stampa un Andrea Pirlo che negli ultimi incontri con i giornalisti ha dovuto parlare più di questioni extracampo che di calcio. Un dato di fatto che rispecchia la stagione della sua squadra. Dopo i rumors sulla cessione di Ronaldo, e il ko del Benevento che ne ha messo a rischio il posto, arriva un altro tema caldo in casa Juve. Anzi bollente.

La cena delle polemiche ha infatti scatenato il caos alla Continassa, e in casa Juventus le bocche cucite annunciavano tempesta. Il comportamento dei calciatori finiti nei guai in casa McKennie si è tradotto in una serie di decisioni che il club adotterà senza troppo clamore. La prima è già stata annunciata dell’allenatore, che ha davvero gli uomini contati. Ai contagi di Demiral e Bonucci dovuti ai cluster nelle nazionali, si aggiungono le sanzioni deliberate dal club nei confronti dei tre calciatori.

Un problema non da poco per il tecnico, che non ha però fermato la forte volontà da parte di Agnelli di porre un freno ai problemi disciplinari nel gruppo. E intanto c’è anche una probabile e salatissima multa.

Leggi anche: Juventus, l’ex capitano duro: “Serve esame di coscienza”. Con chi ce l’ha?

Juve, Pirlo perde McKennie e Dybala con convocati: le scelte per il derby

Dybala e McKennie non convocati
Pirlo ha parlato di Dybala e McKennie svelando che non saranno convocati contro il Toro (gettyimages)

Assenze o no, la Juve prova a mantenere una linea. Che è dura, anzi ferrea. McKennie,  Dybala e Arthur non sono stati convocati, e attendono anche di conoscere le sanzioni in arrivo nell’ambito degli stipendi. Pirlo resta quindi con gli uomini contati, e con tanti calciatori reduci dalle scorie fisiche e psicologiche dopo le gare in nazionale. Non sarà semplice per il tecnico, che non può più perdere terreno e dovrà guardare dietro più che all’Inter.

Le sue parole testimoniano un momento di difficoltà che a Torino non emergeva da molto tempo. “Parlo io, perché attendo domande e voglio essere chiaro. I tre calciatori sono esclusi per domani – ha affermato l’allenatore – e vedremo in futuro quando torneranno. Se ne è già parlato abbastanza e non voglio più ritornare su questo tema. C’è stato modo di parlare con tutti e poi con calma valuteremo quando torneranno”. 

Poi un passaggio sul derby: “Dopo la partita con il Benevento c’è grande rabbia. Dobbiamo trasformarla in voglia di rivalsa. Serve aggressività e la forte volontà di vincere”.