Stranger Things Quagliarella, ricordate quello sfogo anti Milan?

gol quagliarella
Quagliarella, gol stupendo contro il Milan (Gettyimages)

Fabio Quagliarella sfiderà ancora una volta il Milan, con il quale ha un rapporto un po’ complicato: quante cose strane accadono quando affronta i rossoneri. 

Il feeling tra Fabio Quagliarella ed il Milan non è mai scoppiato. L’attaccante blucerchiato ha messo a segno solo 2 reti in 29 partite contro i rossoneri. Per lui che di gol in Serie A ne ha fatti 173, due sono davvero pochi.

Ma forse è il destino, un po’ avverso. Perché il centravanti di Castellammare di Stabia qualche anno fa raccontò che contro il Milan accadono sempre cose strane: “La prima volta, con la maglia dell’Ascoli, diluviava in campo. In quell’occasione feci un colpo di testa perfetto, ma non so come Dida riuscì a respingerlo: poi segnò Cudini sulla ribattuta – disse Quagliarella in un’intervista alla Gazzetta dello Sport – Nel corso degli anni è sempre successo di tutto: pali, il miracolo di Abbiati, un rigore prima dato poi tolto dal VAR“. Insomma, giocare contro i rossoneri non dev’essere il massimo.

Oggi 3 aprile alle ore 12:30 al San Siro di Milano va in scena il match tra i Diavoli e la Samp. Un altro confronto tra Quagliagol e il suo “nemico”.

Leggi anche >>> Quagliarella, quel 27 sulla maglia: il ricordo sempre vivo per l’amico

Milan-Sampdoria è Quagliarella contro Ibrahimovic: i numeri

Quagliarella esultanza
Fabio Quagliarella (GettyImages)

Quest’oggi, Quagliarella scenderà in campo per la trentesima volta contro il Milan. Di fronte a sé avrà un avversario coetaneo che non ha ancora smesso di segnare, proprio come Fabio.

Zlatan Ibrahimovic è il terzo giocatore più anziano della Serie A. Il #27 blucerchiato, invece, è il decimo. In campionato hanno siglato 320 gol in due, con il centravanti italiano in vantaggio, ma per ovvie ragione: ha sempre giocato in Italia. Sarà una sfida affascinante quella tra due campioni che non hanno voglia di lasciare il terreno di gioco e ritirarsi. Si divertono ancora e fanno divertire a suon di gol. Lo svedese ha messo a segno 15 reti in questo campionato, Fabio invece vuole punta alla doppia cifra: è fermo a 9 marcature.

Entrambi hanno il contratto in scadenza a giugno 2021, ma il rinnovo sembra una formalità. Le due rispettive società vorrebbero trattenere ancora i due campioni per un’altra stagione. La loro carriera è ancora “lunga”.