Insigne, il rinnovo non arriva: agente a colloquio a Milano

agente insigne
Lorenzo Insigne, l'agente incontra i dirigenti del Milan (Gettyimages)

Lorenzo Insigne non ha firmato il rinnovo del suo contratto e nel frattempo il suo agente fa visita ai dirigenti del Milan: il motivo dell’incontro. 

Nel pomeriggio di Juventus-Napoli, a Milanello c’è stato un incontro tra il procuratore del capitano azzurro e i dirigenti del club rossonero. Mentre Lorenzo Insigne si preparava al match – in cui ha segnato il suo 15° gol in campionato – l’agente Vincenzo Pisacane è stato a colloquio con il Milan.

Il #24 starebbe a lavoro – assieme al suo entourage- con i dirigenti del Napoli per il rinnovo del contratto. Questo scadrà nel 2022 e ci sono pochi dubbi sulla sua permanenza in azzurro, ma tutto dovrà esser messo nero su bianco. E di certo questa visita di Pisacane a Casa Milan desta qualche sospetto.

Leggi anche >>> Juve Napoli, De Laurentiis “esulta” per la sconfitta: rivolta social – FOTO

Insigne, l’agente in visita a Milanello: solo visita di cortesia

Napoli rinnovo Insigne
Lorenzo Insigne (Getty Images)

Vincenzo Pisacane non è solo l’agente di Lorenzo Insigne, ma anche di Danilo D’Ambrosio, e altri tanti giocatori che non sembrano essere nel mirino del Milan. Per questa ragione, secondo quanto affermato da Sky Sport, sembra che sia stata una visita di cortesia e non di mercato. Il club rossonero non è intenzionato ad acquistare il cartellino del capitano del Napoli, né tanto meno all’acquisto degli altri suoi assistiti.

Sul fronte azzurro, il procuratore ed il calciatore non vorrebbero tagli sull’ingaggio. Negli ultimi giorni si è tanto parlato della proposta della dirigenza partenopea di chiedere una riduzione dello stipendio ad Insigne e passare dai 4,5 milioni ai 3 all’anno, con bonus che andrebbero a pareggiare la cifra del salario attuale. Un’offerta che non sembra convincere molto né Insigne né il suo agente. Ma ci sarà tempo per riflettere e per entrare nel vivo della trattativa.

Quest’anno Lorenzo sta dimostrando di essere davvero il leader della squadra e forse sta disputando la sua miglior stagione, per continuità di prestazioni e per atteggiamento in campo. La maturità è stata raggiunta e ora serve solo portare ai tifosi qualche trofeo. Difficile pensare che “lo scugnizzo” di Frattamaggiore abbia intenzione di farlo con la divisa rossonera.