Festa nel calcio russo per due club storici di Mosca

Dinamo Mosca
Dinamo Mosca (Getty Images)

Il 18 aprile è festa per il calcio russo: i tifosi brindano i 98 anni di Dinamo Mosca e di Sparta Mosca, due squadre storiche in Russia e in Europa.

A Mosca ci sono sei squadre di calcio che giocano a livello professionistico; quattro di queste militano nella massima serie della Prem’er Liga. All’inizio del campionato sovietico la maggior parte dei club era formata da uomini della polizia e ferrovieri. In seguito, queste due fazioni hanno dato vita allo Spartak Mosca e al Dinamo Mosca, una squadra di operai e l’altra di poliziotti.

Leggi anche: Flick lascia il Bayern: i record del futuro Ct della Germania

Leggi anche: Maradona, una storica maglia messa all’asta: quanto costa acquistarla

Sono quasi 100

Spartak Mosca
Spartak Mosca (Getty Images)

Lo Spartak Mosca festeggia oggi 98 anni giocando contro la penultima in classifica, il team UFA. Per ora i rossi-bianchi sono terzi in campionato e inseguono lo Zenit capolista.

La Carne” è il soprannome in Russia dello Spartak Mosca che lo prende da uno sponsor che vendeva cibo in scatola. Ma il vero nome del club deriva da Spartaco, lo schiavo romano che un tempo si era ribellato all’impero romano.

Uno slogan perfetto per dei calciatori usciti dal sindacato operaio, tanto che ancora oggi nel calcio russo lo Spartak Mosca viene definita la squadra del popolo. Con la caduta dell’Unione Sovietica il club moscovita ha vinto 9 campionati in 13 anni, ma solo nel 2003 la dirigenza sarà autorizzata a mettere una stella nel logo per ricordare i 5 campionati vinti.

Anche la Dinamo Mosca compie oggi 98 anni. Nell’ultima partita i bianchi-azzurri hanno sconfitto 3-0 il Klub Rotor, terz’ultima in classifica, portandosi al quinto posto con 46 punti totali.

Fondato nel 1922, il Dinamo Mosca è diventato noto nel resto d’Europa per aver avuto tra i pali il portiere Lev Jasin, detto anche il Ragno Nero, uno dei pochi portieri nella storia del il calcio ad aver vinto il Pallone d’Oro.

Il club è nato alla fine del 800 come la squadra di una fabbrica, ma dopo la rivoluzione russa del 1922 ha cambiato nome in Dinamo Mosca, passando sotto il controllo della polizia. Proprio per questo suo accostamento alla politica, il team azzurro viene chiamata tutt’ora dai tifosi avversari squadra dei ladri.

Al contrario dello Spartak Mosca, il Dinamo ha vinto tutto prima della dissoluzione dell’Unione Sovietica, tranne la Coppa di Russia conquistata nel 1995. Più tardi, nel 2015-2016 un crollo societario ha fatto retrocedere la squadra, tornata in Prem’er Liga l’anno successivo più forte di prima.