Le pallonate in faccia più celebri del calcio: quali sono

pallonate in faccia
Pallone (Getty Images)

Una lista delle pallonate subite da calciatori, arbitri, allenatori: non si salva nessuno.

In Italia, se il danno causato da una palla in faccia è misurabile in denaro, come occhiali rotti o naso storto, chi ha calciato il pallone è perseguibile per legge. Nel mondo dello sport professionistico per fortuna di denunce non se ne sono mai viste.

Tra i rischi del giocare a calcio, oltre a strappi muscolari, rompersi legamenti, prendere ginocchiate, c’è anche quello troppo sottovalutato di un pallone in pieno volto. Ecco una lista delle pallonate in faccia più celebri.

Leggi anche: DAZN non funziona, tifosi furiosi. La nota: “Non in grado”

Leggi anche: Sampdoria-Napoli, siparietto tra Quagliarella e Gattuso: “Pensa a giocare!”

Attento alla palla!

Pallone
Pallone (Getty Images)

Una delle pallonate che ha fatto più discutere è quella ricevuta da Calafiori, da un raccattapalle olandese nel finale di Roma-Ajax di Europa League. Il contrario era successo a Barella che in Italia-Grecia giocata nel giugno 2019, aveva colpito in pieno volto un raccattapalle, e si era subito scusato con un bacio.

Ma questi sono ancora tiri da niente. Una vera pallonata in faccia l’ha presa Mancini da Andreolli nel 2015, in Inter-Genoa. In quell’occasione l’allenatore interista è caduto per terra stordito, ma sorridente. Probabilmente per il Mancio non era la prima volta.

Anche a Zlatan Ibrahimović piace scherzarci sopra, come nel caso della palla tirata nei denti di Gagliolo del Parma, dove lo svedese si è difeso dicendo “Ti volevo solo svegliare”.

Una delle pallonate più forti quella calciata da Podolsky addosso a Marchionni, nel 2015 in Inter-Sampdoria di Coppa Italia. Dopo essersi assicurato che la palla fosse uscita, Marchionni cadde rovinosamente nell’area piccola privo di sensi, rialzandosi solo con l’aiuto dello staff medico.

Un altro eroe che non ha paura di metterci la faccia è Weidenfeller, portiere del Borussia Dortmund che nel 2013 parò con il suo naso una cannonata di Robben. Purtroppo per lui il suo sacrificio non servì ai fini della partita, dato che il Bayern Monaco vinse la finale per 2-0.

 


Tante anche le pallonate in faccia prese dai giornalisti e dai tifosi, ma soprattutto dagli arbitri. In Lazio-Torino giocata nel febbraio 2009, l’arbitro Saccani viene steso da un tiro da fuori area di Kolarov, conosciuto per la potenza del suo mancino.

Anche se la pallonata in faccia più famosa è quella ricevuta da Fellaini nella Supercoppa Europea di Real Madrid-Manchester United. Dal frame della sua smorfia fatta al momento dell’impatto con il pallone, sono partiti centinaia di meme che hanno conquistato il web. Fellaini è anche un campione di autoironia che ha ringraziato i suoi fan per le foto e la loro creatività.