Leeds-Liverpool, è un monday night da tecnici super

Primo piano Klopp - Getty images
ll sorriso del tecnico tedesco, che cerca rivalsa in Premier League - Getty Images

Leeds-Liverpool, il Monday night è un Bielsa contro Klopp. Prima ancora della sfida tra squadre, ci sono due modi di vedere la panchina. Due modi di fare risultato.

Il lunedì sera della Premier League mette in scena due squadre che cercheranno i tre punti come filosofia di vita. Da Leeds e Liverpool lo spettacolo è assicurato, soprattutto in questa stagione molto equilibrata in Gran Bretagna. È stato capovolto un po’ il cappello, la polvere è stata nascosta ed è ora riemersa. Se si affronta un campionato per passare il tempo o con l’alibi degli infortuni, allora si arriva ad aprile sgomitando per un posto minimo. È il caso del Liverpool, che ha un ruolino di marcia non proprio eccezionale, frutto di 15 vittorie, 7 pareggi e ben 9 sconfitte. 52 punti sono pochini per questo punto della stagione, la lotta alla Champions è lontana, accontentarsi della Europa League non è propriamente il massimo della vita.

Il Leeds, invece, ha la tranquillità di chi giocherà un match senza aver nulla da perdere. Il colpaccio in casa Manchester City ha dimostrato come la neopromossa sia molto terribile, aumentando i giri del suo motore proprio contro avversari nettamente superiori. Caratteristica importante per il Leeds, salva da tempo con le sue 14 vittorie equilibrate da altrettante sconfitte. Solo tre i pareggi: è la squadra con il minor segno x nei cinque principali tornei europei, insieme al Napoli, che l’ha raggiunta dopo il pari contro l’Inter.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Insieme a loro, un altro tecnico che vorremmo vedere nella nostra Serie A.

Il loco contro il biondo

Bielsa e le tattiche  - Getty images
Leeds-Liverpool è anche una sfida tattica: quì Bielsa spiega come battere Klopp … a Coverciano – Getty Images

La grande sfida è tra i tecnici, e in fondo ogni amante della Serie A vorrebbe vederli nelle nostre panchine. Marcelo Bielsa una panchina italiana l’ha quasi provata, sembrava fatta con la Lazio ma il tecnico non si chiama Loco per caso. Le richieste esose, unite ad altre particolari, hanno stancato Lotito, che così riconfermo Simone Inzaghi con soddisfazioni reciproche e due Coppe Italia messe in bacheca.

Jurgen Klopp, invece, ha affermato di voler allenare nel nostro campionato, prima o poi. Sarebbe una sfida per il tecnico, ma anche per chi andrà ad ingaggiarlo con un contratto da top club. Sarebbe perfetto per la Juventus, che in Europa è alla ricerca quasi di un miracolo e, dopo Allegri, si è persa nelle scelte di panchina. Proprio vederlo a Torino sarebbe un po’ di fantamercato, mai c’è stato un reale interesse verso il tecnico tedesco, mentre più con Pep Guardiola sono stati effettuati dei sondaggi.

Il personaggio Bielsa contro Klopp sicuramente darebbe verve al nostro torneo. Bielsa userebbe metodi bislacchi e non avrebbe remore nel compiere gesti eclatanti.

Klopp, invece, lancerebbe i migliori giovani e darebbe loro fiducia, utilizzando la gegenpress come novità nella Serie A. Tutti i tecnici un po’ lo scimmiottano, ma la variante del 4-3-3 con le ali larghissime ha un copyright ben fisso nelle indicazioni tattiche di Jurgen il biondo.