Mourinho esonerato dal Tottenham: continua la maledizione del triplete

Mourinho Roma
José Mourinho (GettyImages)

L’uomo del triplete, Jose Mourinho esonerato del Tottenham. La maledizione continua a colpire il tecnico portoghese.

Il Tottenham esonera Jose Mourinho, dopo meno di due anni. Decisivo il pareggio contro l’Everton di Carlo Ancellotti ed il settimo posto in classifica in Premier League, considerato, evidentemente troppo poco, al momento dalla dirigenza degli spurs. La maledizione del triplete, insomma, continua. La curiosa serie di vicende che hanno tutte in comune il numero tre, legate al tecnico ex Porto, Chelsea, Real Madrid e Inter.

Da quando il tecnico portoghese Jose Mourinho nel 2010 alla guida dell’Inter, ha alzato al cielo di Madrid la sua seconda Champions League vinta da allenatore, arrivando quindi allo storico triplete, con la vittoria anche di scudetto e Coppa Italia, quel numero, il tre, ha iniziato ha tormentare l’allenatore. Tre stagioni, dopo Milano, al Real Madrid, senza arrivare mai alla conquista della sua terza Champions League.

Leggi anche >>> Mourinho: Mai alla Juve, ma c’è un pericoloso precedente

Leggi anche >>> Mourinho esonerato: quanti fallimenti dopo il triplete

Mourinho esonerato dal Tottenham: il triplete resta la sua più grande impresa

Mourino esultanza
Mourinho esultanza (GettyImages)

Il triplete resta finora la più grande impresa di Jose Mourinho, oggi esonerato dalla guida tecnica del Tottenham. Dopo l’Inter il Real Madrid, poi il ritorno al Chelsea, dove non arriva alla terza stagione. Approda poi al Manchester United, dove resta per due stagioni, senza centrare, per esonero, la terza continua, conquistando, però, una Europa League. Trofeo che non riuscirà a entrare per la terza volta, alla guida poi del Tottenham, cosi come per la Champions League.

Il tre nel destino di Jose Mourinho, insomma. Le tre stagioni al Porto con la Champions League vinta, le tre stagioni al Chelsea e poi il triplete a Milano, sponda nerazzurra, dove resta però soltanto due stagioni. Oggi esonerato dalla panchina del Tottenham, alla vigilia, si fa per dire, della sua terza stagione a Londra, negli spurs. Il futuro? Forse in Italia vocifera qualcuno, ma di certo, irrimediabilmente legato a quel numero, quel tre che segue da tempo le sue sorti.