Juventus-Milan è anche di Raiola: Donnarumma e gli intrecci di mercato

Donnarumma parata
Getty Images

Una partita non per cuori deboli. Juventus-Milan, in programma domenica prossima a Torino, mette in palio punti importanti, fondamentali per la corsa alla Champions. Se un girone fa si parlava di possibile sfida scudetto ora si tratta di uno spareggio per l’Europa. Quanti intrecci di mercato tra le due squadre.

Juventus Milan prima sul campo, poi fuori e in chiave mercato. Se domenica prossima all’Allianz di Torino le due squadre si sfideranno per un posto in Champions League, a fine stagione i club potrebbero essere protagonisti anche per quanto riguarda affari in ‘condivisione‘.

Leggi anche-> Rinnovo Donnarumma, incontro portiere-ultras

Tanti gli intrecci di mercato che legano bianconeri e rossoneri, ma molto dipenderà da come andrà la partita che chiuderà il prossimo turno di campionato. Una partita che vedrà tanti riflettori puntati su Gigio Donnarumma. Il portiere del Milan in scadenza accostato proprio alla Juve, che domenica scenderà in campo con l’animo non proprio leggero. Alla luce di quanto successo sabato scorso con alcuni ultras rossoneri l’estremo difensore azzurro vivrà con maggior intensità (e pressione) la partita.

Non è però Donnarumma l’unico osservato speciale: tanti infatti i calciatori protagonisti anche in chiave mercato di Juventus-Milan. Da valutare, infatti, le situazioni legate a Romagnoli, Calhanoglu e Bernardeschi su tutti.

Juventus Milan: Raiola si sfrega le mani

Juventus Milan si giocherà anche sul mercato, ma molto dipenderà dall’esito della sfida di domenica prossima. Detto di Donnarumma, chiaramente il giocatore che catalizza le maggiori attenzioni di tifosi e media, ci sono anche Calhanoglu e Romagnoli nella rosa rossonera. Entrambi nelle ultime settimane sono stati accostati alla Juve: il turco, anche lui in scadenza di contratto, sarebbe nel mirino dei campioni d’Italia uscenti; così come il difensore romano (in scadenza nel 2022).

Proprio l’ex Roma e Sampdoria potrebbe rientrare, stando a voci di mercato che si sono susseguite nelle passate settimane, in un possibile scambio con Bernardeschi. Il laterale di Carrara non rientra più nei piani futuri della Juventus, con Paratici che in caso di buona occasione lo lascerebbe partire molto volentieri. A pesare, però, è l’elevato ingaggio dell’ex Fiorentina, che a Torino guadagna circa 4,5 milioni di euro.

Nemmeno a dirlo, deus ex machina di questa situazione sarà Mino Raiola, che gestisce la procura di 3 dei 4 calciatori sopra citati. Il potete agente italo olandese lavorerà per risolvere le questioni legate a Donnarumma, Romagnoli e Bernardeschi.