Manchester City Psg 2-0, un particolare ‘inchioda’ Icardi

icardi in azione
Getty Images

Pep Guardiola porta per la prima volta nella sua storia il Manchester City alla finale di Champions League. Battuto il Psg anche ad Etihad: 2-0 con la doppietta di Mahrez. Icardi inesistente per un’ora, un particolare lo ‘inchioda’.

Manchester Psg, Icardi e Neymar nella bufera – Il Manchester City è la prima finalista della Champions League 2020/2021. Gli inglesi battono ad Etihan il Psg e lo fanno in modo perentorio, deciso e assolutamente meritato. 2-0 per gli uomini di Guardiola che, con un gol per tempo di Mahrez, legittimano la vittoria ottenuta a Parigi e staccano il biglietto per Istanbul, dove il prossimo 29 maggio si giocherà la finale. Tutta l’attesa, ora, è su Chelsea-Real Madrid per capire chi sfiderà De Bruyne e compagni.

Pep Guardiola porta per la prima volta il Manchester City in finale di Champions, e lo fa a distanza di 10 anni esatti dalla sua ultima di finale, ai tempi del Barcellona. Nel 2011 alla guida di Messi sconfisse il Manchester United di Ferguson a Wembley.

Leggi anche–> Biennale e Neymar: così il Barcellona convince Messi

Onore delle armi al Psg: i parigini ci hanno provato ma, senza Mbappè infortunato, hanno dovuto fare i conti con la difesa solida degli inglesi. Neymar spento e Icardi inesistente per i 60 minuti in cui è rimasto in campo, con l’attaccante argentino che si è reso protagonista di un curioso fatto prima del match.

A pochi minuti dal fischio d’inizio, nelle ultime battute della fase del riscaldamento, giocatori del Psg in gruppo ad ascoltare il discorso di Neymar. Più distaccato proprio Maurito, quasi disinteressato, a fare stretching più defilato.

Manchester City Psg 2-0, Neymar e Icardi peggiori

I social non perdonano: la voce del popolo condanna, su tutti, le prestazioni di Neymar (in assoluto il più atteso) e Icardi, il giocatore chiamato a sostituire Mbappè. Nessuno dei due ha inciso, nessuno dei due (così come il resto dei compagni) è riuscito a impensierire Ederson, protagonista di una gara quasi da spettatore assoluto.

Il numero 9 del Psg (16 palloni toccati in totale) è parso più che mai avulso dal gioco e fuori da ogni manovra offensiva, e quell’episodio che lo ha visto distaccato dal resto dei compagni durante il discorso di Neymar sintetizza perfettamente la sua gara di stasera e, probabilmente, la sua totale avventura a Parigi. Avventura probabilmente destinata a finire presto.