Mercato Roma, Mourinho fa spesa in Premier League: gli obiettivi

Josè Mourinho
Josè Mourinho (GettyImages)

A due giorni dall’annuncio ufficiale dell’arrivo di Mourinho a Roma, nella Capitale è ancora grande l’entusiasmo per il prossimo sbarco dello Special. Triennale da 7 milioni a stagione per il portoghese, che intanto studia il mercato con Joao Pinto. Si fa spesa in Premier League?

Di fronte a un finale di stagione sconfortante per la Roma e i suoi tifosi, tra il cappotto incassato a Manchester e un campionato che non ha più nulla da chiedere, l’annuncio di Josè Mourinho come futuro tecnico ha portato l’entusiasmo a livelli massimi. Due giorni fa la comunicazione del club giallorosso con la quale si ufficializzava l’ingaggio dello Special, che da contratto guiderà la Roma nelle prossime 3 stagioni.

Leggi anche–> Roma, perché lo stipendio di Mourinho lo paga il Tottenham 

Sin da subito sono rimbalzate voci di mercato più o meno controllate che parlavano di come sarà la squadra di Mou, con i nomi più disparati accostati all’arrivo del portoghese nella Capitale. Sembra, stando anche a quanto riportano media stranieri (in particolar modo il Daily Mail) che l’ex Inter possa fare spesa in casa Tottenham, e più in generale in Premier League, per rinforzare la Roma.

Roma, con Mourinho un mercato british: c’è pure De Gea

In Inghilterra parlano di un possibile interesse della Roma per due giocatori del Tottenham, che Mourinho conosce molto bene avendoli allenati fino a poche settimane fa. Per la difesa il portoghese avrebbe fatto il nome di Eric Dier, mentre a centrocampo Hojbjerg sarebbe il prescelto per formare la linea mediana a due accanto a Veretout, in uno schieramento che vedrebbe in campo un 4-2-3-1 particolarmente offensivo.

Da qualche ora circola la voce che accosta David De Gea, altro ex giocatore di Mourinho, al club giallorosso. Il problema del portiere è di stretta attualità in casa giallorossa, per questo  serve un nome di livello per alzare il tasso qualitativo della squadra anche tra i pali. In questo caso però l’ostacolo sarebbe l’ingaggio: lo spagnolo ex Atletico allo United percepisce oltre 15 milioni e il suo contratto scadrà nel 2023.