Jimenez in campo così dopo l’infortunio: Cech e gli altri casi simili

raul jimenez infortunio casco
Raul Jimenez indosserà un casco come Petr Cech (GettyImages)

Raul Jimenez potrà ritornare in campo dopo il terribile infortunio alla testa: l’attaccante degli Wolves dovrà indossare un casco come Petr Cech. 

Lo scorso 29 novembre Raul Jimenez subì un gravissimo infortunio alla testa, dopo uno scontro con David Luiz. L’attaccante messicano è stato operato d’urgenza per una frattura al cranio, che l’ha messo K.O per l’intera stagione. Infatti, il Wolverhampton non ha mai potuto utilizzare il suo centravanti messicano, ma da marzo ha cominciato ad allenarsi, con una piccola fascia protettiva.

Il medico degli Wolves ha dichiarato che Jimenez potrà proseguire la sua carriera da calciatore, ma dovrà indossare un casco, proprio come Cech: “La ferita dovrà essere sempre coperta da una protezione. Indosserà un copricapo per il resto della carriera, giudicato abbastanza resistente da proteggere la zona della ferita“. Fortunatamente, il giocatore non ha avuto conseguenze dopo la lesione cerebrale ed ora ha voglia solo di proseguire la sua fase di recupero. Potrà regolarmente inserito nella rosa degli Wolves per la prossima stagione.

Leggi anche >>> Infortunio Ibrahimovic, la decisione della Svezia per l’Europeo: ufficiale

Jimenez, Cech, Chivu: il casco protettivo diventa simbolo

chivu casco protettivo
Chivu e il casco (GettyImages)

E’ celebre il caschetto protettivo indossato da Petr Cech nella sua lunga e gloriosa carriera. Il portiere ceco subì un gravissimo infortunio al capo nel 2006, che lo costrinse a dover utilizzare una protezione fino a quando non ha smesso di giocare a calcio. Il casco è diventato un simbolo per Petr, un icona di stile e un riconoscimento di uno degli estremi difensori più importanti degli ultimi anni.

Anche Christian Chivu nella fase finale della sua carriera ha indossato un caschetto protettivo. Il difensore dell’Inter subì uno scontro alla testa durante una gara contro il Chievo del 2010, e fu operato d’urgenza. Tornò in campo dopo circa due mesi con il casco e non se lo tolse più.

Dunque, così anche Raul Jimenez, che dovrà seguire l’esempio di Cech e Chivu. Il messicano, come i due protagonisti sopra citati, potrà ritornare a giocare con le dovute precauzioni. I tempi bui sono ormai alle spalle: il campo lo attende.