Partita del cuore: Nedved esce allo scoperto su Allegri e Pirlo

Nedved pirlo allegri
Agnelli, Nedved e il management della Juve (Getty Images)

C’è un pezzo di Juve passata, presente e futura nella “Partita del cuore: Nedved, stuzzicato prima della gara, ha chiarito la sua idea su Pirlo e Allegri.

Una “Partita del cuore” per una causa importante, e con tanti campioni del calcio e della ricerca. A Torino si sfidano la Juventus femminile, la Nazionale cantanti e una formazione in cui milita un pezzo di Juve del passato e del presente, magari anche del futuro. Nella stessa squadra, sono scesi in campo Nedved e Pirlo, proprio contro Allegri. Tre protagonisti del mercato in casa bianconera, i cui destini si intrecciano in queste ore.

Prima del match proprio il vicepresidente bianconero, stuzzicato sul futuro della panchina alla Juve, ha risposto con il sarcasmo e arguzia. Una frase con la quale si è smarcato abilmente, ma che sembra un indizio chiaro su quelle che potrebbero essere le mosse di Andrea Agnelli. Poi spazio alle giocate, e ai duetti fra Pirlo e Nedved che in campo hanno mostrato in tandem la loro classe riportando alla mente dei tifosi i grandi successi bianconeri.

Leggi anche: Real Madrid Modric, rinnovo ufficiale: le sue auto e “la casa dei sogni” -VIDEO

Nedved: “Allegri come avversario fa paura, ma Pirlo…”

Pirlo perplesso - Getty images
Pirlo incassa i complimenti di Nedved che parla anche di Allegri (Getty Images)

Una partita del cuore per sostenere la ricerca sul cancro. Una causa nobile, alla quale hanno aderito campioni e campionesse dello sport, cantanti e artisti. É stata anche l’occasione per rivedere in campo Max Allegri, Pavel Nedved e Andrea Pirlo. Il vicepresidente prima della partita ha incassato una domanda “scomoda“, ma si è smarcato con la stessa bravura con cui lo fa sul rettangolo di gioco.

“Sarò avversario di Allegri in campo, ed è chiaro che ho paura – ha risposto sorridendo Nedvedma attenzione a Pirlo. I nostri avversari sono tutti forti, ma Pirlo è mio compagno, lo vedo benissimo, ed è un mister bravo che sa giocare”. Indizio di mercato? Forse no, ma di sicuro l’indicazione che l’allenatore della Juve è ancora tenuto in grande considerazione, e che la società non ha scelto né comunicato al tecnico l’intenzione di liberarlo per la prossima stagione.