Champions, vince il Chelsea degli “italiani”: quanti ex Serie A

champions chelsea italiani
Il Chelsea alza il trofeo (Getty Images)

É bastato un gol di Havertz al Chelsea per festeggiare il successo in Champions: squadra solida e spietata, ma quanti “italiani” in campo.

Al secondo tentativo consecutivo Tuchel ce l’ha fatta. Il suo Chelsea ha vinto la Champions ai danni di un City sorpreso dall’intensità dei Blues. Nel derby inglese giocato al Do Dragao, i londinesi hanno approfittato di una sbavatura degli avversari. Havertz è stato glaciale nel dribblare Ederson, trovando la rete decisiva nell’ultimo atto della Coppa. Pronostici ribaltati quindi. I grandi nomi allenati da Guardiola non sono riusciti a superare una difesa guidata magistralmente da Rudiger, forse il miglior difensore della manifestazione, e la cerniera cucita da Kanté, di sicuro un centrocampista unico in Europa.

Tuchel ha vinto grazie all’organizzazione, ad una squadra compatta e pronta a ripartire. La vittoria in Champions del Chelsea però è anche quella degli “italiani”. Perché a Londra, sponda Blues, sono in tanti ad aver indossato le maglie dei club in Serie A.

Leggi anche: Manchester Chelsea, sfida Ziyech e De Bruyne: in campo e in garage

Chelsea, la Champions è tua: Sono 6 gli “italiani” ad alzare l’ambito trofeo

Jorginho
Jorginho, vince la Champions col Chelsea degli “italiani” (Gettyimages)

Con un percorso di enorme solidità e grande cattiveria agonistica, il Chelsea ha superato tutte le pretendenti, festeggiando il successo contro il City. Una vittoria meritata, in cui la difesa di Tuchel ha sofferto poco, nonostante le bocche da fuoco di Guardiola. Una retroguardia all’italiana, verrebbe da dire, in una squadra in cui sono ben 6 i calciatori ad avere trascorsi in Serie A.

Rudiger, probabilmente il migliore in campo dei suoi, fu lasciato partire troppo presto dalla Roma, e in questa stagione si è confermato fra i migliori interpreti del ruolo. Stesso destino per Emerson Palmieri, che passò dai giallorossi. Nello stesso ruolo gioca Marcos Alonso, scelto dalla Fiorentina. A completare una difesa che è stata la vera arma in più di Tuchel c’è Thiago Silva, colonna portante nei successi del Milan, e ancora in grado di fare la differenza nonostante la sfortuna, che lo ha costretto a lasciare il campo. A centrocampo invece il cervello è Jorginho, vero segreto del Sarrismo a Napoli, e dell’Italia nei prossimi Europei. Al suo fianco invece c’è lo specialista. Mateo Kovacic, che stasera ha alzato e mostrato al mondo la quarta Champions vinta in carriera. Chissà cosa ne pensa l’Inter.