I convocati dell’Italia per i prossimi Europei: i social contro il Ct Mancini

Mancini
Roberto Mancini (GettyImages)

Convocati: Italia e Mancini agli Europei con una rosa già contestata ampiamente dai tifosi, per alcuni nomi.

Il Ct Roberto Mancini ha ufficializzato la lista dei 26 convocati per i prossimi Europei di calcio. A sorpresa, fuori Politano, Mancini e Pessina, dentro il giovane Raspadori. A far discutere, più di tutte le altre è l’esclusione dell’esterno in forza al Napoli, ex Inter, Politano. La sua esclusione e la conseguente presenza, ad esempio, di Bernardeschi, poco impegnato quest’anno e con zero gol all’attivo in ben tre competizioni, ha provocato non poche critiche a Mancini soprattutto sui social.

Non è tanto l’esclusione di Politano, che pure a questo punto della stagione con 12 gol all’attivo e prestazioni sempre sopra la media avrebbe meritato l’Europeo, ma la presenza di Bernardeschi a disturbare i sogni e le riflessioni dei tifosi. Non si comprende la scelta del Ct, non si comprende perchè privilegiare un calciatore non titolare, con un campionato pessimo alle spalle rispetto ad altri che avrebbero meritato ampiamente la chiamata con l’Italia.

Leggi anche >>> Ancelotti al Real Madrid: tutti i record del tecnico italiano

Leggi anche >>> Champions, vince il Chelsea degli italiani: quanti ex Serie A

I convocati dell’Italia per i prossimi Europei: Mancini subito sotto processo

Bernardechi
Bernardeschi (GettyImages)

Non sono piaciute insomma, alcune scelte del Ct Roberto Mancini. Oltre a Bernardeschi si contesta infatti anche la presenza di Sensi, quasi sempre infortunato nel corso della stagione che poteva magari essere risparmiato in favore di un Pessina che è letteralmente esploso nell’ultima parte del campionato. Questa Italia, insomma, fa già discutere, ma in ogni caso, sarà il campo a raccontarci l’effettiva realtà dei fatti. Gli Europei sono ormai alle porte.

https://twitter.com/musagete10/status/1399855774898208770?s=20

Poche novità anche sul fronte numerazione per l’Itala di Mancini. Quasi tutti i calciatori hanno mantenuto il numero di maglia che generalmente possiedono anche nella propria squadra di club. Fanno eccezione, in vista dei prossimi Europei, il 21 di Donnarumma contro l’abituale 99, il 2 di Di Lorenzo contro il classico 22 nel Napoli, il 25 di Toloi ed il 5 di Locatelli contro, rispettivamente il 2 ed il 73 nei club, e poi, ovviamente il 10 a Lorenzo Insigne, intoccabile al Napoli, dove il calciatore sfoggia un inusuale ma ormai “storico” 24.