Riserve di Lusso del 2021: gli assi nella manica degli allenatori

Elmas Napoli
Elmas festeggia con il suo Napoli (fonte Getty Image)

Quali sono i requisiti e le doti per essere considerati riserve di lusso? Da Elmas a Muriel, tutti i talenti nascosti in panchina.

La stagione di Serie A del 2020/2021 si è conclusa con la vittoria del campionato da parte dell’Inter comandata da Conte. L’allenatore interista ha potuto disporre di una delle panchine più care di tutta Italia, con Young, Kolarov e Sanchez su tutti. Riserve importanti che Antonio Conte ha saputo gestire alla meglio fino a conquistare lo scudetto.

Anche nelle altre squadre italiane ci sono talenti nascosti nella rosa, tra cui Muriel, Bernardaschi e Vignato. Ma il calciatore di lusso con il record di ingressi dalla panchina gioca nel Napoli.

LEGGI ANCHE: Basta supercar: Jamie Vardy punta un’utilitaria italiana… molto speciale!

Gli assi nella manica

Bernardeschi juventus
Bernardeschi (fonte Getty Image)

Per essere una riserva di lusso non basta costare quanto una villa a Montecarlo e stare in panchina, l’importante è che quando si viene chiamati in campo bisogna fare la differenza, come ha fatto Luis Muriel. L’attaccante colombiano ha compiuto 30 anni nel 2021 e il suo valore di mercato è di 26 milioni.

In questa stagione su 36 partite totali in Serie A, Muriel è entrato in campo dalla panchina per 20 volte, partendo da titolare solo in 16 occasioni; l’arma segreta dell’Atalanta di Gasperini che nell’ultimo anno ha segnato 22 gol e regalato 9 assist ai compagni.

Tra le riserve di lusso c’è chi partendo dalla panchina ha conquistato un posto in nazionale come il contestato Bernardeschi della Juventus. Per lui questa stagione non è certo stata una delle sue annate migliori: su 27 partite, 8 da titolare e 19 subentrando dalla panchina, con soli 2 assist e 0 gol.

A causa di questi scarsi numeri di gioco, l’attaccante nato a Carrara nel 1994 è stato criticato sui social per l’inaspettata convocazione in nazionale. Bernardeschi però si è già preso una piccola rivincita segnando nella prima amichevole contro il San Marino.

I semi del calcio nella tasca

Vignato è considerato già un talento. L’italo-brasiliano anno 2000, ha giocato ben 31 gare di cui 20 partendo dalla panchina. Dopo alcune prestazione da vero prestigiatore del pallone Mihajlović ha ammesso alla stampa «Non capisco perché ancora Vignato non sia convocato in nazionale».

Il record di partite giocate da subentrato appartiene a Elmas del Napoli di Gattuso. Per il centrocampista macedone, sono 30 le volte che ha dato il cambio ai compagni, segnando in tutto 2 reti. Il valore di mercato del ragazzo è di 17 milioni di euro, con scadenza del contratto nel 2025. Questo vuol dire che Elmas (classe 1999) ha tutto il tempo per diventare un titolare, anche inamovibile.