Italiano tradisce lo Spezia: promessa non mantenuta e sì alla Fiorentina

Lo Spezia è infastidito dall’atteggiamento di Vincenzo Italiano: l’allenatore è pronto a firmare per la Fiorentina, nonostante il rinnovo annunciato pochi giorni fa. 

Per tutta la stagione appena trascorsa, Vincenzo Italiano è stato elogiato per il suo operato sulla panchina dello Spezia. Ha ottenuto ottimi risultati con una squadra neopromossa, conquistando punti importanti con le big. Era finito anche nel mirino del Napoli per il post-Gattuso, e alla fine potrà davvero sostituire Ringhio, ma al club viola. Infatti, la Fiorentina avrebbe già trovato l’accordo economico con Italiano, il quale però deve liberarsi dal contratto che lo lega allo Spezia.

Solo pochi giorni fa aveva rinnovato il rapporto con i liguri fino al 2024, dopo giorni di trattative. L’annuncio in grande stile era stato accolto con grande entusiasmo dalla piazza, ma a quanto pare l’allenatore non vuole perdere l’opportunità di lavorare con una società più ambiziosa.

Leggi anche >>> Ivan Juric non fa sconti: Torino, sono tutti sotto esame

Fiorentina, Italiano ha la clausola: lo Spezia non vuole contropartite

Italiano
Vincenzo Italiano (GettyImages)

C’è nervosismo, ovviamente. E anche un po’ di rammarico. Lo Spezia aveva trovato l’accordo economico e sportivo con Vincenzo Italiano, che ora avrebbe già cambiato idea, tentato dalla possibilità di andare alla Fiorentina. La squadra toscana non ha un allenatore e Commisso sarebbe disposto a pagare anche la clausola per liberare il tecnico bianconero. Tra l’altro, è l’unico modo per averlo sin da subito.

Infatti, il club ligure richiede solo cash e non vorrà l’inserimento di contropartite. La dirigenza viola aveva già pensato di offrire Saponara in cambio dell’allenatore, ma non sarà possibile.

Spezia indispettito da Italiano, soprattutto dopo l’annuncio in grande stile in seguito all’accordo sul rinnovo. La clip con Leonardo Di Caprio in The Wolf of Wall Street e le parole associate a quelle del tecnico “Non me ne vado“, sono solo un lontano ricordo. Una falsa promessa che non verrà digerita facilmente. La dirigenza della Aquile è già alla ricerca di un sostituto. Al momento i nomi legati alla panchina spezzina sono quelli di Corini e Ranieri.