Inter, assalto al nazionale di Mancini: Marotta scatenato

Giuseppe Marotta DG Inter vicino alla panchina
Giuseppe Marotta (getty image)

L’Inter si prepara al futuro con una giovane promessa del calcio Italiano, Marotta è intenzionato a prenderlo.

Il club neroazzurro continua a rinforzare la rosa per difendere il titolo di campione d’Italia conquistato lo scorso maggio, e con la possibile cessione del bomber Lautaro Martinez in casa Inter serve un rimpiazzo che possa far dimenticare la grande perdita dell’attaccante argentino. A questo proposito il club di Milano ha pensato alla neo promessa Giacomo Raspadori al momento impegnato ad aiutare la nazionale di Roberto Mancini.

L’Inter incontra l’agente di Raspadori

Di recente la dirigenza dell’Inter si è vista con Tullio Tinti agente del difensore Ranocchia ma anche procuratore dell’attaccante classe 2000; la conversazione tra le due parti in realtà ha riguardato il contratto di Ranocchia. Secondo alcune indiscrezioni, però, la conversazione sarebbe virata anche sull’attaccante neroverde, con l’Inter che sembrerebbe molto intenzionata ad aggiudicarselo. Infatti sia Marotta che Ausilio hanno le antenne puntate su ogni informazione che possa riguardare il giovane bomber.

Il futuro in neroazzurro per Giacomo Raspadori sembra ancora più vicino, in quanto lui stesso ha dichiarato che da piccolo era tifoso dell’Inter e che il suo beniamino era Samuel Eto’o uno dei principali giocatori che ha contribuito al triplete del 2010 dell’Inter.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>Calhanoglu all’Inter, ancora un talento dalla Turchia: come andarono gli altri

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>Gli europei preoccupano l’Inter: le cessioni incombono

La storia di Giacomo Raspadori

Giacomo Raspadori in nazionale
Giacomo Raspadori (getty images)

Giacomo Raspadori nasce il 18 febbraio 2000 a Bentivoglio. Inizia a giocare a calcio con il Progresso una società di dilettantistica del suo paese. Nel 2009 entra far parte delle giovanili del Sassuolo, fin da subito dimostra grandi capacità tanto da venir chiamato a  giocare dalle categorie superiori. A 14 anni viene notato anche da club più blasonati come Roma, Milan e gli stessi nerazzurri ma rifiuta tutte le offerte. Nel 2017-2018 entra nella primavera dove si mette in mostra nella stagione seguente come capitano e realizzatore segnando 15 reti in 26 partite. Il 26 maggio 2019 finalmente debutta in Serie A. Nell’ultima stagione disputata gioca 27 partite segnando 6 gol.

Giulio Grillo