Mbappé, Donnarumma e i loro fratelli: quando il calcio è affare di famiglia

fratelli calcio
Antonio e Gianluigi Donnarumma (GettyImages)

Mbappé come Donnarumma: tutti i casi dei fratelli sconosciuti che approdano nel mondo del calcio. 

Accade spesso nel mondo del calcio, grazie anche al lavoro dei procuratori, che nell’acquisto del cartellino di un calciatore rientri anche quello di un parente. Un’operazione ai limiti della meritocrazia, ma decisiva per accontentare le parti.

Ci sono casi celebri nel mondo del calcio e quello del fratello minore di Kylian Mbappé è solo l’ultimo: basti pensare ai fratelli Donnarumma. Infatti, il giovane Ethan Mbappé (15 anni) ha prolungato il suo contratto con il PSG fino al 2024. Certamente, i tifosi parigini aspettano con maggiore ansia il rinnovo del parente più forte, ora protagonista ad Euro 2020 con la Nazionale francese. Ma questo rinnovo potrebbe far ben sperare. Kylian può proseguire la carriera nello stesso club del suo fratellino? Si potrà scoprire solo quando termineranno gli Europei e ci sarà l’incontro decisivo tra società e calciatore.


Leggi anche >>> Euro 2020, la squadra di club con più calciatori agli ottavi: è dominio

Donnarumma, Mbappé e Maradona: tutti gli affari di famiglia nel mondo del calcio

fratelli maradona
I tre fratelli Maradona (GettyImages)

Diego Armando Maradona portò al Napoli anche il fratello Hugo, ma solo qualche anno dal suo approdo in Italia. Infatti, nel 1987 il Pibe de Oro fece pressioni alla società partenopea per sottoscrivere un contratto anche al fratello minore e alla fine ci riuscì. Hugo fu girato subito in prestito all’Ascoli, dove debuttò in Serie A. In seguito viaggiò in diverse parti del mondo, dalla Spagna all’Austria al Venezuela. Tutt’oggi, però, vive a Napoli dove ha trovato la sua stabilità.

Anche Kaka riuscì a portare con sé il fratello minore Digao. Questo era un difensore e fu tesserato al Milan nel 2004 (un anno dopo la firma del Pallone d’Oro) ma fu girato subito in prestito a diversi club, tra cui Sampdoria e Crotone. La società rossonera ripeté questo tipo di operazioni tra fratelli con Clarence e Chedric Seedorf, e ai giorni nostri con Gigio e Antonio Donnarumma e José e Juan Mauri. Insomma, affari di famiglia.

E ancora, un altro celebre doppio acquisto fu quello di Christian e Massimiliano Vieri. Entrambi fratelli, nell’estate del 1996 andarono alla Juventus. Mentre il bomber della Nazionale italiana giocava nella Prima squadra, Max cominciò la sua avventura in bianconero nelle giovanili per poi girare in lungo e largo l’intero Paese. Con la Juve non riuscì mai ad esordire in un match ufficiale.