Non solo Mbappé: i campioni che hanno sbagliato un rigore decisivo

Mbappe rigore sbagliato Euro 2020
Kyliam Mbappé dopo l'errore dal dischetto (fonte foto GettyImages)

Kylian Mbappé ha sbagliato il rigore decisivo per la Francia a Euro 2020, ma è in buona compagnia: i campioni che hanno fallito dagli 11 metri.

Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore, non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore“, cantava Francesco De Gregori nella sua La leva calcistica del ’68. La frase più celebre e abusata della sua discografia, probabilmente, ma che rispecchia una grande verità del calcio: un giocatore non può essere giudicato da un rigore decisivo sbagliato. Una lezione che ha imparato, a sue spese, anche Kylian Mbappé, autore del penalty che ha condannato la Francia campione del mondo all’eliminazione da Euro 2020 contro la Svizzera agli ottavi di finale.

Prima di lui tantissimi campioni hanno infatti fallito dagli undici metri per la troppa tensione, sia agli Europei che ai Mondiali. Lo sappiamo bene noi italiani, ma anche olandesi, inglesi, argentini e sì, anche gli stessi francesi. Andiamo a ricordare gli errori più clamorosi da parte di alcuni grandi calciatori del passato.

Leggi anche -> Mbappé, Donnarumma e i loro fratelli: quando il calcio è affare di famiglia

Rigore decisivo sbagliato: i ‘fratelli’ di Mbappé

Totò Di Natale rigore Euro 2008
Totò Di Natale dopo l’errore nel 2008 (fonte foto GettyImages)

I rigori a volte ci hanno premiato, molto spesso ci hanno condannato. Un rapporto agrodolce quello italiano con la lotteria più emozionante e crudele. A Euro 2008, nei quarti di finale contro la Spagna, furono due gli errori azzurri dal dischetto, ma quello decisivo, nell’ultimo tiro italiano, fu di un grande campione, Totò Di Natale. Fu proprio la bandiera dell’Udinese a condannarci alla dolorosa eliminazione, aprendo la strada alla Spagna verso il trionfo europeo.

Ma l’errore dal dischetto più emblematico della nostra storia è stato quello di Roberto Baggio ai Mondiali del 1994, in finale a Pasadena contro il Brasile. L’errore del Divin Codino è ancora oggi forse quello più ricordato in assoluto nella storia dei Mondiali.

Potrebbe interessarti -> Germania-Inghilterra, più che una sfida: i rigori, Southgate e quel 5-1

Non solo i campioni azzurri hanno però sbagliato dagli 11 metri in passato. Nella semifinale contro la Danimarca nel 1992 capitò ad esempio a Marco Van Basten. Il cigno di Utrecht  sbagliò l’unico rigore della serie, facendoselo parare da Peter Schmeichel, proprio come accaduto a Mbappé. Nei quarti di finale del Mondiale 2006 invece all’Inghilterra pesarono tantissimo gli errori di due campioni come Frank Lampard e Steven Gerrard, che condannarono i Leoni alla sconfitta con il Portogallo.

E come non ricordare l’errore di David Trezeguet nella finale Mondiale del 2006, quello che di fatto regalò all’Italia il quarto titolo mondiale. Uno sbaglio che è diventato per tutti gli italiani un vero zuccherino da riguardare nei momenti di maggior tristezza. Forse, quello che maggiormente potrà rasserenare Kylian è però quello di Leo Messi nella finale di Copa America 2016 dell’Argentina con il Cile. Il suo errore non fu quello decisivo, ma contribuì alla clamorosa sconfitta dell’albiceleste, una delle più dolorose della sua storia. Per la cronaca, a completare l’opera fu Higuain con l’ennesimo errore dal dischetto della sua carriera.