“Scudetto alla Lazio senza Covid nel 2020?”: la risposta di Sarri delude i tifosi

Maurizio Sarri Lazio
Maurizio Sarri, allenatore della Lazio (fonte foto GettyImages)

Maurizio Sarri in conferenza è stato interpellato anche sulla lotta scudetto tra Juventus e Lazio nel 2020, interrotta dal Covid: la sua risposta ha spiazzato i tifosi.

Maurizio Sarri Lazio
Maurizio Sarri, allenatore della Lazio (fonte foto GettyImages)

Senza Covid lo Scudetto nel 2020 lo avrebbe vinto la Lazio. Questa una delle massime che da anni circola a Roma, nell’ambiente biancoceleste. Una verità indimostrabile che ha convinto i tifosi, e che è stata sostenuta anche da alcuni opinionisti al di fuori della Capitale. Ma Sarri la pensa in maniera diversa.

A dare peso a quest’ipotesi, che è destinata a rimanere tale, è in effetti il cammino della Lazio di Simone Inzaghi in quel controverso campionato 2019/20. Prima dello stop imposto con il lockdown che bloccò l’Italia nello storico 8 marzo 2020, infatti, la Lazio era stata appena scavalcata in testa dalla Juventus. Questo dopo la vittoria dei bianconeri a porte chiuse con l’Inter.

La classifica al momento della pausa recitava Juventus prima a 63 punti, Lazio seconda a 62. Terza invece l’Inter a 54, con una gara in meno. Il testa a testa era dunque tra bianconeri e biancocelesti, con il trend nettamente positivo per la squadra di Inzaghi, che viaggiava sulle ali dell’entusiasmo, al contrario di una Juve sempre fragile e pronta a implodere. Dati però soggettivi per Sarri, che in conferenza stampa ha risposto così a una domanda dei giornalisti romani.

Leggi anche -> Sarri e i problemi con Correa e Luis Alberto: scambi in vista?

Scudetto nell’anno del Covid: Sarri torna sul testa a testa tra Juve e Lazio

Maurizio Sarri allenatore Lazio
Maurizio Sarri, nuovo allenatore della Lazio (fonte foto GettyImages)

La Lazio pre-Covid è stata l’ultima Lazio in grado di dare la sensazione di poter combattere per lo Scudetto, sfidando squadre superiori come la Juve. Per questo motivo in molti a Roma non riescono a mandare giù quel campionato 2019/2020, largamente falsato dallo stop imposto dal Coronavirus.

In quella stagione, sulla panchina della Juventus sedeva proprio Maurizio Sarri, nuovo tecnico della Lazio. Inevitabile nella conferenza stampa di presentazione un accenno anche a quel testa a testa che per mesi entusiasmò i tifosi biancocelesti. Un testa a testa che regalò più di qualche grattacapo all’allenatore di Figline Valdarno.

Potrebbe interessarti -> Mercato Lazio: il nuovo esterno di Sarri arriva dal passato

Ma la sua risposta sul tema non è stata quella sognata dal tifo biancoceleste: “Per tanto tempo ho sentito dire che senza lockdown la Lazio avrebbe vinto il campionato, anche se in realtà era prima la Juve“. Il tecnico ha comunque ammesso che la Lazio era l’avversaria più temibile e sbagliando qualche partita il rischio sorpasso poteva esserci. Parole che hanno galvanizzato, più che i suoi nuovi tifosi, i sostenitori della Roma.

Sui social non sono mancati infatti commenti del genere: “In due secondi netti demoliti 15 mesi di rivendicazioni e farneticazioni collettive“. Insomma, dichiarazioni che hanno diviso i tifosi. E hanno già acceso il clima in vista del derby.