Chi è Giuseppe Scienza, l’allenatore della Pro Vercelli con un passato in Serie A

La carriera e la vita privata di Giuseppe Scienza: dalle avventure nelle serie minori all’esperienza in Serie A.

Pro Vercelli maglia
Maglia della Pro Vercelli (fonte foto GettyImages)

Un allenatore esperto pronto a fare il salto di qualità e a raggiungere le categorie più importanti del nostro calcio. Questo e molto altro è Giuseppe Scienza, attuale guida della Pro Vercelli, una delle formazioni più nobili delle categorie inferiori italiane. Un club che attualmente milita in Serie C, ma che ha grandi ambizioni di promozione, per rinverdire i lustri di un passato che le ha assicurato ben sette scudetti.

Sarà Beppe Scienza l’uomo giusto per la svolta? Lo sperano molto in Piemonte. Le possibilità in effetti ci sono tutte. Tecnico classe 1966, nativo di Domodossola, Scienza è un allenatore esperto ma moderno. Ama giocare con la difesa a quattro, ma non ha un modulo guida, e preferisce adattarsi ai calciatori a disposizione, se necessario anche schierandosi a 3+5 dietro. La sua filosofia di gioco prevede però un calcio veloce con gioco palla a terra.

Come allenatore ha debuttato nel 2009 a Legnano, con un buon terzo posto. Un buon cui hanno fatto seguito esperienze non entusiasmanti. Ha toccato la cadetteria sulla panchina del Brescia nel 2011, concludendo la sua avventura però con un esonero a dicembre. Si è parzialmente rifatto nel biennio successivo alla Feralpisalò, ma finora la sua principale esperienza è il quadriennio a Monopoli, con cui è riuscito anche a raggiungere un ottimo terzo posto nel 2020, senza però riuscire a conquistare la B ai playoff.

Leggi anche -> Napoli-Pro Vercelli, che sorpresa: partita in chiaro! Orario e dove vederla

Giuseppe Scienza: figlio e passato da calciatore

Giuseppe Scienza
Giuseppe Scienza (fonte foto GettyImages)

Sulla vita privata di Beppe conosciamo pochi dettagli, uno importantissimo. Ha un figlio, Michele, nato nel 2006. Un possibile futuro calciatore di grande talento. Cresciuto nelle giovanili dell’Inter, è passato negli scorsi mesi alla Juventus, pronto a ripercorrere le orme paterne.

Anche Scienza senior, pur non raggiungendo mai club di primissimo livello, ha infatti toccato la Serie A nel corso della sua carriera da calciatore, conquistandola una prima volta con la maglia della Reggiana nel 1993. Giocò in A anche con il Torino, venendo però ceduto nel 1994 al termine di una stagione vissuta su infortuni e incomprensioni con l’allenatore di allora.

Nel 1996 tornò in Serie A con il Piacenza, club con cui riuscì a guadagnare anche due incredibili salvezze, di cui una dopo uno spareggio con il Cagliari, giocato al San Paolo di Napoli, ricordato ancora con grande amarezza dal tifo rossoblù. Una carriera movimentata ma in grado di fargli togliere molte soddisfazioni. Riuscirà il giovane Michele a fare anche meglio?