Bufera Tottenham, il gesto di Kane fa tremare la Fiorentina

Harry Kane fa infuriare il Tottenham: la sua decisione non viene apprezzata dalla dirigenza, pronta ad intervenire e pescare il sostituto dalla Fiorentina.

kane tottenham
Harry Kane (GettyImages)

Potrebbe diventare l’uomo di mercato dell’anno. Vista la permanenza di Lewandowski al Bayern e quelle di Mbappé e Haaland al PSG e al Borussia, Harry Kane presto potrebbe lasciare il Tottenham e vivere una nuova esperienza. Il desiderio del bomber inglese è quello di restare in Gran Bretagna. Semplicemente vuole cambiare residenza: da Londra vuole andare a Manchester. Precisamente, la sponda blu.

Infatti, l’Uragano avrebbe già dichiarato alla dirigenza londinese i suoi progetti ma al momento la situazione è in fase di stallo. Il Manchester City avrebbe proposto al Tottenham circa 117 milioni di euro per Harry Kane: offerta rifiutata perché considerata ancora troppo bassa. E nel frattempo, l’attaccante inglese ha reagito in malo modo.

Leggi anche >>> Rischio Hamsik per la Roma: che numeri contro i giallorossi!

Kane non si presenta in allenamento: il Tottenham punta Vlahovic

vlahovic fiorentina
Dusan Vlahovic (GettyImages)

Il bomber avrebbe dovuto terminare le vacanze ad inizio settimana e ritornare a disposizione del mister e della squadra. Tuttavia, al campo di allenamento del Tottenham non c’è traccia di Kane. L’attaccante non si è presentato per il secondo giorno consecutivo, come riporta Sky Sport UK, e questa decisione starebbe facendo storcere il naso alla dirigenza che non vorrebbe lasciarlo partire così facilmente.

Nel frattempo, il dirigete italiano degli Spurs Fabio Paratici starebbe lavorando sul possibile sostituto di Kane e potrebbe pescare in Serie A. Sul taccuino dell’ex manager della Juventus c’è Dusan Vlahovic, giovane bomber della Fiorentina, il quale ha svolto tutta la preparazione con la rosa viola nel ritiro di Moena. Tuttavia, i programmi del serbo sono tutt’altro che chiari. Già nei mesi scorsi aveva tergiversato sulla sua permanenza e ora, con una chiamata dalla Premier League sarà difficile dire no.