Roma e un calendario… di sconosciuti. Mou studia tutti

Il calendario della Roma pone Josè Mourinho contro allenatori… sconosciuti. Prima del derby del 26 settembre, dovrà studiare per bene i suoi colleghi.

Roma esulta - Getty Images
Il calendario della Roma è particolare prima del derby – Getty Images

Gli scherzi del calendario pongono la Roma con le prime cinque partite alla portata, prima del super derby. Josè Mourinho, però, non è proprio tranquillo, anche perché affronterà allenatori praticamente sconosciuti prima della super sfida contro la Lazio.

Nessuno, infatti, era in sella su una panchina di Serie A nelle due stagioni italiane di Mourinho, per non parlare poi dei dislivelli. Si passa dai giovani ai vecchi, così come si affronterà un ex tecnico della Roma, con un calendario variegato e pieno di piccoli problemi.

Tutte gare che, comunque, dovrebbero essere alla portata della Roma o, comunque, non dovrebbero creare problemi insormontabili guardando il valore delle rose. Partendo dall’esordio contro la Fiorentina, perché la prima gara per la Roma sarà già una sorta di esame.

Mourinho contro Vincenzo Italiano, il calendario pone lo special one contro un tecnico in netta ascesa. Che, quando il portoghese allenava l’Inter, era tesserato come centrocampista del Chievo Verona. Ora si ritroverà faccia a faccia con il portoghese, un idolo per quanto riguarda anche la gestione psicologica del gruppo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Dal mercato un’ultima novità giallorossa

Le sfide prima della Lazio

Zaniolo si coordina - Getty Images
Le fortune romaniste passano anche dai piedi di Nicolò Zaniolo – Getty Images

Chiaramente, i tifosi della Roma guardano con interesse il 26 settembre, come la gara dell’anno. Ma prima Mourinho dovrà pensare agli appuntamenti del calendario, partendo da quello poi del 29 agosto contro la Salernitana. Dopo ventidue anni lo stadio “Arechi” ospiterà una nuova partita di Serie A, l’esperto Fabrizio Castori non avrebbe mai immaginato di affrontare lo stratega portoghese. Sfida nella sfida, perché il tecnico italiano è uno ancorato ai modelli di un tempo, il contropiede sarà un’arma che vedremo spesso e volentieri nella Salernitana.

Dopo la pausa per gli impegni delle nazionali, la Roma sarà di scena allo stadio “Olimpico” contro il Sassuolo. Alessio Dionisi nemmeno era famoso ai tempi della grande epopea italiana del lusitano, sarà una gara tra due squadre che giocheranno a viso aperto e senza troppi fronzoli.

Per il 19 settembre invece spazio per la gara di Verona contro l’ex romanista Eusebio Di Francesco. L’ultimo a fare miracoli in Europa con la semifinale di Champions League. Josè Mourinho dovrà stare attento alla… Fatal Verona, e poi pensare all’infrasettimanale contro l’Udinese di Luca Gotti, poco avvezzo alle avventure da primo tecnico.

Per passare poi al derby contro Maurizio Sarri, contro un avversario importante.  Non mancheranno le scintille fra i due allenatori, perché la battaglia prima del campo andrà in scena nelle varie conferenze stampa. Contro Maurizio Sarri la contesa sarà valida per mille motivi, dal primato cittadino a quello tattico, passando per le motivazioni ad animare un’intera stagione.