Monza già dentro o fuori. Che esame per la Reggina!

Reggina-Monza è il big match del turno di Serie B. Arriva già alla prima giornata e potrebbe essere una sfida chiave tra due pretendenti alla promozione.

Reggina a Salerno - Getty Images
La Reggina, prima del Monza, è stata di scena a Salerno in Coppa Italia – Getty Images

Reggio Calabria è subito teatro di sfide al vertice. È un esordio con il fuoco quello della Reggina davanti al proprio pubblico contro il Monza. Una sfida tra compagini che puntano alla Serie A, i calabresi con meno clamori e si accontenterebbero anche dei playoff, i brianzoli con la chiara intenzione di vincere il campionato.

Non potrebbe essere altrimenti, viste le ambizioni nemmeno troppo velate di Adriano Galliani e del patron Berlusconi. Portare per la prima volta il Monza in Serie A è l’obiettivo principale, già sfumato la scorsa stagione. Con una lezione importante appresa: in Serie B non giocano le figurine, quanto gente muscolare e che ha voglia di stupire. Il Monza fu eliminato da una tripletta ai playoff firmata Enrico Baldini: un calciatore del Cittadella che guadagnava dieci volte meno dei vari Boateng e Balotelli.

A dimostrazione di come la cadetteria non sia per niente facile e scontata, il Monza stasera di scena contro la Reggina sa di dover considerare ogni avversario come il più importante.

Tecnici profeti in patria

Giovanni stroppa - Getty Images
Giovanni Stroppa deve portare i brianzoli per la prima volta in A – Getty Images

Si affronteranno Reggina e Monza con panchine rinnovate e con idoli per fare sognare i tifosi. Curiosamente, Alfredo Aglietti e Giovanni Stroppa si affrontano forse per stabilire… chi è il miglior profeta in patria.

Aglietti fu attaccante della Reggina in Serie C e in Serie B, con i suoi gol fu conquistata un’incredibile salvezza nel 1996. Passò al Napoli e girò l’Italia ma lasciò un pezzo di cuore a Reggio Calabria, ricongiunto con questa panchina dopo un anno e mezzo di Chievo Verona.

Giovanni Stroppa, invece, è un altro ex milanista scelto da Galliani. Dopo Cristian Brocchi, però, si è affidato a un tecnico di comprovata esperienza, due sono state le promozioni raggiunte dal tecnico in carriera, l’ultima a Crotone due stagioni fa.

Qualcosa non andò per il verso giusto l’anno scorso in A, così è ripartito dal Monza convinto di come possa essere un trampolino di lancio definitivo. La difesa a tre come dogma, anche perché i brianzoli hanno esterni d’attacco importanti. Soprattutto, lì davanti c’è ampia disponibilità, gente in attesa di rilancio e altri ancora che, probabilmente, arriveranno gli ultimi giorni del mercato.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> L’anteprima del primo turno di Serie B

Per il Monza, quella di stasera, sarà la prima sfida guardando sempre in alto, per la Reggina invece una costruzione basilare sul suo progetto tecnico. Dove un altro ex milanista dovrà essere protagonista assoluto: Jeremy Menez. Dopo un primo anno quasi di apprendistato cadetto, ora toccherà al calabrese prendere per mano la squadra e diventare il re ideale per la sua…Reggina.