Ilic arma in più del Verona: chi lo opziona per il futuro?

Ivan Ilic può davvero spiccare il volo con il Verona. È stato il primo investimento del mercato scaligero che per otto milioni e mezzo ha riscattato il promettente centrocampista dal Manchester City.

Primo piano Ilic - Getty Images
Ivan Ilic riscattato dal Verona, era del Manchester City – Getty Images

Il Verona sul mercato ha incassato ma ha anche speso. Perché i soldi delle cessioni difensive con sedici milioni ottenuti per i vari Silvestri, Udogie e Lovato hanno fatto cassa, ma sono anche serviti sul fronte degli acquisti. La metà di questo denaro è stato reinvestito per un calciatore che a Verona aveva già dimostrato il suo potenziale, ovvero Ivan Ilic.

Un calciatore che con Ivan Juric aveva subito trovato, nella scorsa stagione, una sua precisa dimensione in campo, senza soffrire gli avversari e nemmeno il salto da titolare nel campionato di Serie A.

Del serbo è piaciuta subito la sua capacità di dare del tu al pallone, nonostante un’età dove si sarebbe ipotizzato quasi il suo utilizzo in primavera.

Il centrocampista è del 2001, si è imposto con stile e sa di essere un calciatore dal sicuro avvenire, perché in campo mette sempre tanta solidità e pochi vaneggiamenti.

29 presenze e un gol per lui in campionato più una presenza e una rete in Coppa Italia: il Verona si è convinto definitivamente e ha riportato a casa il giovane talento.

Un serbo che pensa veloce

Passaggio ilic - Getty Images
Piedi puliti e visione di gioco per il giovane classe 2001 – Getty Images

Di Ivan Ilic le statistiche sono da apprezzare, per la qualità di corsa (ormai un argomento che sta diventando trend topic) ma soprattutto per l’abilità nel giro palla. Non è un caso che, nel centrocampo del Verona, sia lui il regista in alternanza con Miguel Veloso: il giovane e l’esperto sanno come far girare i meccanismi del Verona.

Il suo riscatto era stato già paventato. Nella scorsa primavera il presidente Maurizio Setti aveva già annunciato come sarebbe stato difficile trattenere sia lui che Federico Dimarco.

Con l’esterno rimasto a Milano, il Verona aveva ipotizzato dunque di riscattare solo Ilic e ci è riuscito con buona soddisfazione dei tifosi scaligeri.

Per il centrocampista serbo, dunque, i galloni da titolare che dovranno essere confermati con buona abnegazione.

Ha esordito da professionista praticamente a sedici anni nella Stella Rossa, dimostrandosi come uno dei miglior prospetti internazionali. Non è stato un caso che il Manchester City lo abbia prelevato per portarlo nelle sue giovanili, anche se poteva maggiormente puntare sul ragazzo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Mercato, un altro giovane…muove tutto

È stato mandato in prestito prima in Repubblica Ceca allo Zemun (non certo uno squadrone di prima fascia), poi al Nac Breda in Olanda. E la scorsa stagione al Verona, dove è cresciuto in maniera esponenziale. Tanto da poter già indossare la maglia della sua nazionale e raggiungere le prime due presenze.