Italia all’ostacolo Svizzera, i precedenti sono piacevoli

Tra Svizzera e Italia i numeri sono positivi per la squadra azzurra. Statistiche e qualche record nel cammino azzurro per il prossimo futuro.

Locatelli gol Svizzera - Getty Images
L’ultimo match tra Italia e Svizzera fu particolarmente felice – Getty Images

La gara tra Svizzera e Italia è una riedizione recente di quanto già vissuto. Il 3-0 degli Europei del giugno scorso è stato il primo atto di forza e forse di convinzione per una Nazionale poi uscita vincente da Londra. La squadra di Roberto Mancini conosce bene l’avversario e la Svizzera di queste ultime settimane ha un po’ cambiato qualcosa. Senza più il ct Vladimir Petkovic, andato ad allenare il Bordeaux, il nuovo staff tecnico coordinato ora da Murat Yakin sta cercando di prendere le misure alla nazionale elvetica. Che ha fatto anche bene rispetto al suo blasone nell’ultimo ventennio, ma ha bisogno di accelerare i suoi numeri.

Anche nei precedenti stessi, tra Svizzera e Italia i numeri premiano decisamente gli azzurri. È una delle sfide più… antiche tra selezioni, vista anche la vicinanza geografica. Al momento attuale sono 59 gli incontri ufficiali tra le due nazionali, nei numeri è davanti la compagine di Roberto mancini con 29 vittorie. 22 invece i pareggi, l’ultimo dei quali il 5 giugno del 2010. E fu quasi un presagio, altro che un buon auspicio, perché non si vinse un mondiale come qualche anno prima, bensì la Nazionale fu eliminata al primo turno in Sudafrica. Otto invece le affermazioni elvetiche, l’ultima delle quali il 1° maggio 1993.

Azzurri a caccia di record

Inler e Gattuso - Getty Images
Il precedente giocato prima del mondiale sudafricano finì 0-0 – Getty Images

Numeri e record pronti quindi per essere aggiornati. L’Italia ha segnato 110 gol contro la Svizzera, incassandone 67, a dimostrazione anche di partite tutto sommato equilibrate fra le due compagini. Non c’è la media dei due gol a squadra, perciò tutte le sfide tra le nazionali hanno avuto quasi sempre un grande equilibrio, poi sbloccato dalla maggior qualità dei singoli.

E guardando ai numeri, c’è curiosità anche per il record di imbattibilità. Perché Roberto Mancini, dopo aver vinto l’edizione degli Europei, vuole allungare il suo primato, ovvero andare oltre le trentacinque partite senza incassare sconfitte. Missione nemmeno tanto impossibile guardando agli impegni contro elvetici e Lettonia, c’è la convinzione di poter far bene e di continuare con il vento positivo a favore.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Il miglior svizzero frenato dal covid

Soprattutto, se i giovani guardano a confermare la loro leadership… i più “anziani” hanno l’ambizione di entrare maggiormente nella storia. Giorgio Chiellini ha 112 presenze in Nazionale (otto gol inclusi), stesso numero che lo lega a Dino Zoff. E lo supererà, così come Leonardo Bonucci con 111 partite – contando la presenza contro gli elvetici – aumenterà sempre più il proprio score. È un elemento dello staff azzurro a esser puntato nelle classifiche individuali. Per il momento si guarda ai numeri raggiunti con l’Italia da Daniele De Rossi, che ha disputato 117 partite in azzurro ed è al quarto posto tra i primatisti.