Cristiano Ronaldo, un ex compagno svela: “Ci vergognavamo”

Sin da ragazzo, Cristiano Ronaldo aveva le idee chiare e mostrava tutte le sue qualità tecniche: un suo ex compagno svela un retroscena incredibile.

cristiano ronaldo
Cristiano Ronaldo (GettyImages)

La carriera di Cristiano Ronaldo è costellata di premi, record e trofei individuali e di squadra. Il campione portoghese ha avuto l’onore di indossare le maglie di alcuni dei club più importanti al mondo, riuscendo a vincere ovunque. Persino in Nazionale è riuscito a lasciare il segno, nonostante una squadra non sempre considerata favorita nelle competizioni continentali o rassegne iridate.

Proprio con la maglia del Portogallo ha avuto il piacere di giocare con alcuni compagni considerati tra i migliori al mondo, quando lui era ancora acerbo e doveva esplodere. Uno di questi rimase impressionato dalle qualità del giovane CR7 e in una vecchia intervista svelò un curioso retroscena.

Rui Costa su Cristiano Ronaldo: “Che vergogna in allenamento…”

Rui Costa
Rui Costa (GettyImages)

Sono bastate 10 partite assieme per impressionare uno dei centrocampisti più bravi al mondo. Cristiano Ronaldo ha avuto la fortuna ed il piacere di giocare in sole dieci occasioni con Rui Costa a causa della sostanziale differenza d’età. L’attaccante portoghese già tra il 2003 ed il 2004 faceva impazzire gli avversari con le sue giocate e sorprendeva anche i suoi compagni in Nazionale.

Leggi anche >>> Retroscena Ronaldo: “Aveva deciso da un mese”

In un vecchio racconto, Rui Costa ha svelato che durante gli allenamenti “Cristiano Ronaldo ci mostrava le sue nuove finte. Noi ci vergognavamo di replicarle, ma lo facevamo di nascosto“. Ma non è tutto, perché già quand’era ragazzino il campione di Funchal aveva le idee chiare: “A cena parlava solo di dribbling – dichiarò l’ex Milan e Fiorentina – Noi provavamo ad inculcargli l’importanza del gioco di squadra. In realtà, quando eravamo soli noi compagni e non c’era Cristiano, credevamo tutti che sarebbe diventato Pallone d’Oro. Aveva la testa e i piedi per diventare il migliore, non c’erano dubbi: ed è andata così“.