Arnautovic ritrova l’Inter: da giovane fece piangere il famoso compagno 

Arnautovic oggi ritrova l’Inter con il suo Bologna: da giovane non lasciò il segno in nerazzurro, ma fece piangere un compagno.

arnautovic
Arnautovic con la maglia del Bologna (Getty Images)

Mihajlovic dopo anni di difficoltà ha trovato finalmente il centravanti che sognava. Marko Arnautovic è giunto in rossoblu dopo un lungo corteggiamento, e attestati di stima pesanti. Sabatini disse che serviva un folle cattivo per questa squadra, e il suo tecnico ha riaffermato la stima per la punta sottolineando che anche quando la sua condizione non è al top, le chiavi dell’attacco saranno nelle mani dell’austriaco.

Che intanto in campo sta rispondendo con ottime prestazioni, e oggi incontrerà l’Inter. Fu la squadra che lo portò un Italia, quando il paragone con Ibrahimovic lo rendeva un giovane corteggiatissimo. Qualcosa però non andò bene, come nell’occasione in cui fece piangere di disperazione un compagno di squadra in nerazzurro

Arnautovic, ex giovane folle ora maturo: quella volta che fece disperare Eto’o

Arnautovic - Getty Images
Arnautovic in una rara apparizione con l’Inter – Getty Images

All’Inter non tutto è girato per il verso giusto. Giovane e un po’ folle, Arnautovic si presentò con un accostamento pesante e non riuscì a mettersi in mostra in campo. Fuori invece qualche spunto di cronaca lo regalò. Come nell’occasione in cui chiese in prestito ad Eto’o la sua splendida e costosissima Bentley Gt 63, del valore di centinaia di migliaia di euro.

Leggi anche: FIFA 22, polemica Inter: “C’è un errore, sono deluso”

Nulla di strano verrebbe da dire, se non fosse stato per il piccolo problema al ritorno di Arnautovic al parcheggio. Il bolide del compagno fu infatti rubato nei pressi dello Sheraton, per la disperazione dell’attaccante campione d’Europa in nerazzurro. La splendida Bentley fu trovata 5 mesi dopo in Ungheria, ma Arnautovic la combino grossa. Ora è un calciatore maturo che ritrova l’Inter, e proverà a giocare un altro scherzo ai nerazzurri.