Ansu Fati, rinnovo col Barcellona e clausola da 1 miliardo: ecco le più alte

Ansu Fati rinnova con il Barcellona fino al 2027 con una clausola da 1 miliardo: ecco la top five delle più alte. 

Pedri al Barcellona - Getty Images
Pedri, alctro calciatore che come Ansu Fati ha una clausola di 1 miliardo- Getty Images

Blindato. Ansu Fati ha chiuso il capitolo rinnovo con il Barcellona, firmando fino al 2027. Il club ha inserito una clausola da un miliardo per evitare qualsiasi tipo di infiltrazione da parte degli altri club, e lo ha fatto firmare per 6 anni, scottato dallo scippo di Messi. Impossibile corteggiare il gioiello blaugrana, in un trend che ormai è diventato una strategia chiara per evitare di perdere i calciatori a zero.

É accaduto lo stesso con Pedri, in una tendenza tutta spagnola. Anche al Real Madrid hanno infatti inserito clausole per la cifra tonda di 1 miliardo, inserendole nei contratti di Benzema e di Valverde. Le sorprese nella top five però non mancano.

Ansu Fati, clausola mostruosa: ecco le più altre in giro per l’Europa

Messi PSG
Leo Messi, blindato dal Psg (fonte foto GettyImages)

Gli ultimi movimenti di campioni prelevati gratuitamente alla scadenza del contratto, hanno spinto i club a tutelarsi. Le clausole mostruose inserite da Barcellona e Real Madrid sono un modo per allontanare le richieste, in una tendenza lanciata dai due club, che sta prendendo piede anche negli altri campionati europei.

Leggi anche: Bayern, in attacco numeri da record: la Champions ha una favorita?

Dietro ad Ansu Fati, Pedri, Valverde e Benzema, c’è un altro calciatore dei blancos. Si tratta di Alaba. Per prelevarlo servono 850 milioni di euro. Dietro al difensore si assesta la clausola di Griezmann, 800 milioni, mentre per Modric e Brahim Diaz, che è in prestito al Milan, ne servono 750 di milioni. Dietro un poker di diamanti. Isco e Asensio possono partire solo per 700 milioni di euro, mentre il Psg ha blindato Messi con una clausola identica nelle cifre, e lo stesso vale per Courtois. Cifre irraggiungibili, ma un messaggio chiaro in un calcio in cui cifre e accordi sottobanco ormai prevalgono sulle normali trattative.