Italia, per i Mondiali serve una mezza impresa: non è mai successo

Dopo il pareggio con la Svizzera, l’Italia dovrà guadagnarsi la qualificazione ai Mondiali 2022 con l’Irlanda del Nord: c’è da sfatare un tabù.

Roberto Mancini Italia Svizzera
Roberto Mancini (©LaPresse)

Un incubo a metà si è materializzato. L’Italia di Roberto Mancini si è incartata contro la Svizzera, e adesso la qualificazione ai Mondiali 2022 senza passare per i playoff è diventata molto più difficile. Nella gara contro gli elvetici all’Olimpico serviva una vittoria e serviva maledettamente evitare una sconfitta. Alla fine il match si è risolto con un pari in rimonta, con tanto di rigore sbagliato (il terzo consecutivo per Jorginho). Un risultato che obbliga gli Azzurri a una mezza impresa.

Salvo clamorosi regali dalla Bulgaria, attesa dalla trasferta in Svizzera nell’ultima gara del girone di qualificazione, l’Italia dovrà infatti obbligatoriamente vincere a Belfast contro l’Irlanda del Nord. E possibilmente con un risultato tondo. Non una missione impossibile, ma nemmeno una passeggiata. I nordirlandesi non sono uno squadrone, ma in casa restano avversari rognosi.

Leggi anche -> Chi è Denis Zakaria: auto e passioni del gioiello nel mirino dei club italiani

A dare un briciolo di speranza in più agli Azzurri è un curioso dato. Solo una volta in più di 90 anni di storia la nostra Nazionale ha strappato la qualificazione aritmetica ai Mondiali lontano da casa. E fu proprio in terra irlandese, con un pareggio per 2-2 nel 2009 a Dublino. Un’altra Irlanda, dunque, ma un piccolo dato statistico che può incoraggiare.

Italia e Irlanda del Nord: precedenti da brividi

Irlanda del Nord
Irlanda del Nord (©LaPresse)

Ci sono fantasmi che tolgono il sonno a tutti i sostenitori della Nazionale azzurra. L’Irlanda del Nord è infatti un cliente scomodissimo per conquistare il pass per i Monidali, specialmente perché rievoca episodi per nulla piacevoli per la nostra storia.

I precedenti tra Italia e Irlanda del Nord hanno visto infatti gli Azzurri sconfitti una sola volta. Ma di quelle memorabili. Era il gennaio 1958 e con il 2-1 di Belfast l’Italia si giocò la qualificazione ai Mondiali di Svezia, i primi senza la nostra rappresentativa nelle fasi finali.

Potrebbe interessarti -> Italia, guai per Mancini: la stella finisce ko. Le condizioni

Rimane una macchia indelebile sul nostro curriculum, ma va anche aggiunto che in cinque precedenti ufficiali finora, tre volte l’Italia è riuscita a imporsi sulla squadra nordirlandese, con un solo pareggio nelle qualificazioni agli Europei del 2010. Ma c’è un dato che trasforma il prossimo match in una mezza impresa: finora gli Azzurri non hanno mai vinto a Belfast nella loro storia, nemmeno in partite amichevoli. Riusciranno Mancini e i suoi a sfatare il tabù? Incrociamo le dita.