Milan, l’incastro funziona: mercato e match di gennaio in aiuto

Il Milan punta su San Siro nel mese di gennaio. Mercato, calore del pubblico e partite decisive: il frullatore può decisamente cambiare le carte in tavola per Stefano Pioli. Il tecnico si augura in meglio.

Kessie in volo - foto laPresse
Il Milan (senza Kessiè) affronta con fiducia il mese di gennaio – foto LaPresse

I rossoneri vogliono tornare a casa e dettare legge. Il mese di gennaio per il Milan sarà un continuo abbraccio con i suoi tifosi, cercando di tirare una volata verso la corsa allo scudetto. Il gruppo di Stefano Pioli non può più nascondersi, riportare lo scudetto a Milano dopo undici stagioni è l’obiettivo.

Ambizioso ma fattibile, tenere il ritmo delle prime giornate sarà un po’ difficile, le potenzialità ci sono tutte. Il mercato sarà il primo banco di prova, il Milan dovrà qualche rincalzo di esperienza lì in mezzo (coppa d’Africa che incombe), il mediano è il primo punto su cui puntare. I rossoneri inoltre cercano un elemento polivalente lì in mezzo alla difesa, che possa dare fiato ai titolarissimi.

I nomi che circolano sono tanti, la mediana può essere rinforzata puntando su uno tra Kamarà e Zakaria, la difesa guardando al Chelsea per scegliere uno tra Rudiger e Christiansen, entrambi in scadenza con il club campione europeo.

Stefano Pioli si affiderà alle scelte di mercato con fiducia e al lavoro sul campo. Portare un elemento di esperienza e integrarlo poi non è un elemento da sottovalutare L’en plein non potrebbe essere un’eresia a gennaio, in una scala di difficoltà il Milan sembra poter superare con i tre punti tutti gli avversari.

Gare di lotta e di governo

Milan e Ibra  foto LaPresse
Due anni fa il ritorno di Ibra in rossonero – foto LaPresse

Una sfida tutta particolare attende il Milan nel primo turno del 2022, ritroverà Josè Mourinho. Sarà una sfida tutta particolare, il tecnico lusitano provoca sempre un’emozione particolare. In nerazzurro prese nei derby sette punti in quattro gare, questa sarà una partita degli ex e di contrapposizioni. Alcuni potrebbero essere proprio freschi: Villar vorrebbe il Milan, in caso di accelerata lo spagnolo in poche ore sarebbe già in rossonero.

Ben altra gara attenderà il Milan successivamente in trasferta, a Venezia i fantasmi della laguna potrebbero essere fastidiosi. La squadra lagunare, per altro, in casa si è sempre esaltata contro le compagini con più tasso tecnico. Caldara è il suo leader ed è di proprietà milanista: il tecnico, cambiando idea sul suo conto, potrebbe riportarlo al centro della difesa.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Una Bianca Guaccero al top

Il ritorno a San Siro è quello contro lo Spezia, una partita che è probabilmente la più facile del lotto di gennaio, senza considerare la Coppa Italia. La Serie A di corsa e di passione porta al match contro la Juventus. Uno scontro diretto, lo scorso anno il Milan prese punti importanti contro la Juve, all’andata invece il pareggio conquistato lasciò tanti rammarichi per la prestazione offerta. Il mercato chissà che non possa regalare qualche trattativa inattesa: Romagnoli lo vedremo in bianconero?