Mercato Inter, Inzaghi incredulo: un big sta per lasciare la squadra

L’Inter sta giocando un campionato di altissimo livello, tanto che in 22 partite ha conquistato ben 53 punti, subendo una sola sconfitta. Se la squadra milanese è riuscita a mantenere la media punti, lo deve ad un giocatore in particolare. Il campione dell’Inter, in queste ultime settimane, sta letteralmente trascinando la squadra. I tifosi ora sono in ansia, nelle ultime ore è emerso un problema, che potrebbe ben presto portare all’addio.

L’Inter ha sempre bisogno di talento e di una rosa che sia sempre al top. Un campione in più non guasta mai, la squadra nerazzurra può contare su una squadra di assoluta qualità e Simone Inzaghi ne è ben consapevole.

esultanza Inter - foto LaPresse
Un campione dice addio all’Inter – foto LaPresse

L’Inter e il suo momento magico

Tutti gli uomini della rosa neroazzurra stanno dando il massimo, contribuendo a far volare la squadra. L’Inter sta giocando bene e soprattutto sta dando una grande continuità ai suoi risultati, tanto da essere considerata a gran voce la favorita per la conquista dello scudetto. Qualora la squadra milanese riuscisse realmente a conquistarlo, per Inzaghi sarebbe il primo della carriera e per i meneghini il secondo consecutivo.

La Champions League

Altro discorso invece riguarda la Champions League. Nel massimo torneo continentale, la compagine del biscione dovrà vedersela con una delle principali candidate alla vittoria finale, ovvero il Liverpool di Jurgen Klopp. L’Inter, di conseguenza, almeno sulla carta parte decisamente sfavorita nel confronto diretto, ma siamo certi che la squadra di Inzaghi cercherà in tutti i modi di ribaltare il pronostico e superare il turno.

Proprio in questo tipo di gare i campioni fanno la differenza e ce n’è uno che in queste partite si esalta e riesce spesso a trovare la giocata decisiva. Inzaghi fa grande affidamento su di lui ma forse da giugno sarà costretto a farne a meno. A giugno, il campione potrebbe separarsi dall’Inter e tutto per un motivo davvero incredibile: una clausola sul contratto che in molti avevano dimenticato.

Quattro milioni possono valere un addio

Sanchez e Martinez - foto LaPresse
L’addio farebbe infuriare i tifosi – foto LaPresse

Una clausola può far andare via Alexis Sanchez a giugno, senza che Inzaghi avesse la benché minima intenzione di cederlo. L’asso cileno ha il contratto con la squadra nerazzurra sino al giugno del 2023 con un impegno oneroso, da parte dei nerazzurri, di circa quasi 15 milioni di euro. Impegno che ora la società potrebbe ritenere troppo impegnativo per le sue casse, decidendo di cedere il talento cileno a fine stagione malgrado la volontà di conferma espressa dal tecnico piacentino.

L’Inter e la clausola maledetta

Il particolare non è ovviamente sfuggito all’attenta dirigenza neroazzurra. Sanchez infatti, secondo questa clausola, potrebbe essere “scaricato” dall’Inter già nel prossimo giugno, a fronte del pagamento di una sorta di buonuscita di quattro milioni e mezzo d’euro. Pagando ciò, la società nerazzurra si libererebbe così del ben più oneroso contratto del cileno, risparmiando ben 10 milioni di euro in un colpo solo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> L’ex Mourinho fa scouting

La spiacevole situazione è emersa nelle ultime ore e si sta già diffondendo tra i tifosi che stanno andando su tutte le furie. Secondo i tifosi, un campione come lui sarebbe meglio tenerselo stretto: oltre alle grandissime giocate che regala in ogni match, porta con sé anche una grandissima esperienza internazionale, che spesso in gare decisive può veramente fare la differenza.

La dirigenza nerazzurra però va diritta per la sua strada. Questo malgrado sappia perfettamente che l’eventuale congedo anticipato del cileno scontenterà sicuramente anche Simone Inzaghi. I conti però vanno sistemati e certe “follie” fatte in passato, in cui al momento dei contratti non si badava a spese, non sono più sostenibili. Beppe Marotta e Piero Ausilio stanno prendendo il tempo necessario per prendere la decisione definitiva, anche se sembra che la strada intrapresa sia quella che finirà con lo scontentare la piazza.