Messi al PSG, il presidente Al-Khelaifi dribbla la domanda: “Non parlo”

messi psg
Lionel Messi (GettyImages)

Il presidente del PSG Al-Khelaifi ha risposto in modo sospettoso alla domanda di un possibile trasferimento di Messi al club parigino: cresce il mistero attorno al futuro argentino. 

Il Barcellona si appresta ad eleggere il nuovo presidente e tra i candidati c’è Laporta, il quale di recente ha chiesto a Messi di pazientare: “Deve aspettare le elezioni, poi deciderà il suo futuro“. Il club blaugrana vorrebbe trattenere il suo campione, ma le speranze sono ridotte all’osso.

Infatti, l’argentino avrebbe la possibilità di lasciare la Spagna a parametro zero e soprattutto legarsi con qualsiasi altra squadra di sua preferenza. Oltre al Manchester City di Guardiola, fresco di rinnovo, nelle ultime ore è avanzata l’ipotesi di un clamoroso trasferimento al PSG.

Potrebbe interessarti anche >>> Manchester City, Guardiola firma il rinnovo: ora Messi non è più un sogno

Messi, futuro al PSG? Il desiderio di Neymar e il misterioso Al Kelaifi

juve barcellona messi ronaldo
Lionel Messi (GettyImages)

Il primo a lanciare messaggi alla Pulce è stato Neymar, ex compagno di squadra ai tempi del Barcellona. Il brasiliano ha dichiarato di voler tornare a giocare con Messi: “L’anno prossimo dobbiamo per forza giocare di nuovo insieme“. L’apertura al trasferimento sotto la Tour Eiffel è stata fomentata anche dalle ultime parole del presidente del PSG.

Nasser Al Khelaifi è stato contattato da Cyril Hanouna, conduttore televisivo, per parlare della fattibilità della trattativa. L’imprenditore qatariano ha risposto in modo misterioso sull’argomento: “Al momento Messi è un giocatore del Barcellona, non posso aggiungere altro. Le parole del presidente del Paris Saint-Germain potrebbero celare il forte interesse verso il campione argentino. L’operazione non appare impossibile per le casse del club francese. Alla fine, sarà tutto nelle mani di Leo che deciderà autonomamente il suo futuro. Da una parte avrà la possibilità di rinnovare per chiudere la carriera al Barcellona, dall’altra avrà l’opportunità di cambiare campionato, compagni, ambiente e rimettersi in gioco.