Torino e Belotti, dai 100 milioni al mancato rinnovo: il Milan alla finestra

Focoliaio Covid Torino
Andrea Belotti, capitano di un Torino decimato dal Covid (Getty Images)

Il Torino deve risolvere la grana relativa al rinnovo di Belotti, che da una quotazione di 100 milioni potrebbe adesso essere al centro del mercato. Il Milan attende interessato, mentre Cairo cerca un accordo per trattenerlo in granata. 

La storia fra Andrea Belotti e il Torino è passata da una valutazione di 100 milioni ad un mancato rinnovo che ora stuzzica il Milan. Sono lontani i tempi in cui Urbano Cairo chiedeva una cifra iperbolica per l’attaccante, che dopo una stagione incredibile era il desiderio di molti club sul mercato. Valutazioni impossibili da raggiungere nell’era della pandemia, e una svalutazione che dal 2017 ha cancellato una somma già all’epoca inavvicinabile in Serie A.

In quattro anni la bandiera granata non ha smesso di segnare, ma non è mai riuscita a raggiungere lo score di 26 reti che nella stagione 2016-2017 lo lanciò nell’olimpo dei bomber. Belotti fu capace di segnare più di Immobile, Higuain e Icardi, arrivando a soli tre gol da Dzeko, capocannoniere con la Roma. Dopo 4 campionati il suo valore si aggira attorno ai 40 milioni di euro, ma la grana relativa al rinnovo potrebbe abbassarne la valutazione, o comunque trasformarsi in una remota ma non impossibile eventualità di perderlo a zero. Il Milan intanto è alla finestra e il Torino ragiona sulle cifre dopo aver investito molto nel mercato invernale con gli innesti di Mandragora e Sanabria.

Leggi anche: Mercato, le cessioni più remunerative: Atalanta in testa, ma polemiche sulle plusvalenze

Torino e Belotti, Cairo cerca l’accordo per il rinnovo. E intanto Maldini riflette

Torino belotti 100 milioni rinnovo
Andrea Belotti potrebbe ricevere una proposta per il rinnovo (Getty Images)

La storia di Andrea Belotti al Torino potrebbe essere condizionata dai rumors di mercato. C’è il Milan infatti sul centravanti, che non ha ancora rinnovato e attende una chiamata che sancirebbe un legame già forte. Le ultime dichiarazioni di Cairo non hanno sbrogliato una matassa sempre più intricata. “Noi lo vogliamo – ha sottolineato il presidente del Toro – ma deve essere convinto lui. E’ con noi dal 2015 e fui io a volerlo quando era a Palermo. Faremo il nostro a livello economico, ma la scelta tocca al calciatore e voglio che sia deciso”.

Parole che testimoniano la volontà di continuare in una storia che ha portato Belotti nella storia dei granata. Nel mirino c’è Ciccio Graziani, con 122 gol, e subito dopo due mostri sacri come Valentino Mazzola e Marco Ferrante. Più difficile arrivare ai 172 dell’idolo Pulici, ma un lungo rinnovo potrebbe davvero rendere l’attaccante ex Palermo il più importante nella storia del club.