Diritti Tv, Dazn insidia Sky: potrebbe esserci una sorpresa per gli utenti

Diritti tv De Siervo
Olimpico di Roma senza pubblico (GettyImages)

E’ in corso la gara per i diritti tv del prossimo triennio di Serie A: Dazn insidia Sky e può vincere la sfida, spunta ipotesi partita in chiaro. 

Nel corso degli anni, i tifosi si sono dovuti adattare alle novità imposte dalla Serie A. Dai match di alcuni club in esclusiva su un solo broadcaster, agli orari dei match stravolti per dare vita ad un campionato spezzatino. Per il prossimo triennio, la Lega ha ricevuto le offerte dalle emittenti tv e streaming per concedere i diritti tv delle partite.

I presidenti di Serie A sono piuttosto soddisfatti. Per gli altri campionati c’è stato un calo del valore dei diritti televisivi, ma in Italia il trend resterebbe positivo. I club incasserebbero una cifra non molto distante da quella ottenuta in questi tre anni (dal 2018-2021 la Lega ha guadagnato 973 milioni di euro, cifra distribuita a tutte le società protagoniste).

Leggi anche >>>  Serie A, il piano per i fondi e i diritti tv: i dettagli dell’assemblea

Diritti tv Serie A, Dazn offre di più: ipotesi partita in chiaro a Sky

Serie A sky dazn diritti tv
Sky e Dazn in corsa per i diritti tv di Serie A (Getty Images)

Al momento, DAZN ha offerto più di Sky. Infatti, il primo ha messo sul piatto 840 milioni di euro per mandare in onda 7 partite in esclusiva su 10 a giornata per i prossimi tre anni. Le restanti tre gare andrebbero al secondo. Per l’acquisto di tutto il pacchetto, Sky avrebbe offerto di meno: 750 milioni. Balla una differenza di quasi 100 milioni di euro, e ora l’assemblea di Lega dovrà decidere come distribuire le partite e a chi dare la fetta maggiore del campionato per le prossime stagioni. Un’altra idea condivisa nella riunione di ieri tra i diversi patron societari è stata quella di trasmettere una gara in chiaro. Questa potrebbe esser mandata in onda da Sky, su Tv8 o Cielo.

Dopo 17 anni, il colosso di Murdoch può perdere l’asta e avere meno partite da trasmettere sui propri canali. Per la prima volta, la maggior parte delle gare di Serie A potrebbe andare in onda e in diretta esclusiva in streaming, sull’app DAZN. Un’importante cambiamento che dovrà essere valutato dall’Assemblea di Lega, la quale dovrà capire se ci sono le condizioni per gli utenti di fruire dei servizi senza disagi. Entrano in ballo, dunque, problemi di telecomunicazioni e banda larga. L’Italia è pronta per questo grande passo? La domanda nasce spontanea tra i presidenti dei vari club di Serie A e per tale ragione, la decisione finale sulla concessione dei diritti tv del torneo per i prossimi tre anni è slittata a giovedì.