Lettera di 7 club di A per Dal Pino: SI ai diritti tv ma NO ai fondi

Sette club di Serie A, hanno scritto una lettera a Dal Pino, per chiedere l’immediata assegnazione dei diritti tv, e dire No ai fondi.

La partita politica del calcio italiano si infiamma. Infatti, 7 club di Serie A, ovvero Atalanta, Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio, Napoli ed Hellas Verona, hanno scritto una lettera a Dal Pino.

Qui, i 7 club hanno chiesto di assegnare immediatamente i diritti televisivi per i prossimi tre anni. L’offerta di Dazn, a cui queste squadre hanno dato il loro assenso, scadrà presto, e le società minacciano ripercussioni legali.

Nella missiva a Dal Pino, inoltre, viene specificato come le 7 squadre, siano contro qualsiasi altra offerta, soprattutto quelle provenienti dai fondi. Quindi, c’è una chiara e netta opposizione, riguardo l’offerta di Salieri Investimenti S.p.A.

Leggi anche >>> Arabi nel calcio, non solo l’Inter nel mirino dei fondi sauditi

Leggi anche >>> Rangers, il titolo è tuo: finisce l’era Celtic

Diritti tv, lo scontro è totale

diritti tv calcio
Diritti tv per la Serie A (Twitter)

La lettera vede l’accordo di 7 club, che si schierano apertamente contro le altre 13 società, che invece hanno votato per altri accordi, o si sono astenute. Lo scontro, dunque, è totale, con i fondi al centro dell’attenzione.

Nella messaggio a Dal Pino, inoltre, viene citato proprio un incontro non appoggiato dai club, ne tantomeno a conoscenza di questi, tra l’AD De Siervo della Lega e il consorzio dei fondi. Questa cosa, ha chiaramente fatto infuriare i club.

L’unico accordo, che sembra esserci in comune tra tutte le parti coinvolte, è il mandato dato allo stesso AD, di cercare nuovi investitori nei diritti tv tra Medio Oriente e Africa. Ma, senza una concordanza su tutto il resto, anche questa ricerca di soldi, sembra poter finire nel nulla.

Le offerte per i diritti televisivi del prossimo triennio scadono il 29 marzo, quindi bisogna muoversi. La lettera a Dal Pino, da parte dei 7 club, vuole andare proprio in questa direzione. Ovviamente, si spera che si sbrighino, per non assistere all’ennesima brutta pagina del sistema calcio italiano.