Real Madrid-Liverpool, Klopp prepara la vendetta: il vantaggio dei Reds

real madrid liverpool
Real Madrid-Liverpool, finale Champions League 2018

Il Liverpool affronterà il Real Madrid ai quarti di finale di Champions League e ha un discreto vantaggio nel calendario: Zidane si giocherà il futuro in 8 giorni. 

Il sorteggio dei quarti di finale di Champions League ha regalato due repliche di due finali recenti. La prima, si tratta Bayern Monaco-PSG. La seconda è Real Madrid-Liverpool. Gli spagnoli hanno trionfato nel 2018, ma il vero protagonista fu Karius con due papere indimenticabili. Zinedine Zidane e Jurgen Klopp si rincontreranno dopo quella finale, ma per il tecnico francese si prospetta una doppia sfida piena di insidie.

Infatti, le Merengues dovranno disputare le due partite dei quarti di finale di Champions, intervallate dal Clasico contro il Barcellona. Il 6 aprile l’andata contro i Reds; il 10 contro i blaugrana; il 14 nuovamente contro gli inglesi per il ritorno. In pratica, in 8 giorni Zidane si giocherà il suo futuro. E Klopp ha un vantaggio notevole.

Leggi anche >>> Roma-Ajax, per l’Europa e sul mercato: tanti talenti in mostra nei quarti di finale

Liverpool, il calendario è favorevole: il Real Madrid avrà nel mezzo il Barcellona

klopp liverpool real madrid
Jurgen Klopp in Real Madrid-Liverpool (gettyimages)

Il Liverpool non vorrà certo ripetere la stessa maledetta partita giocata contro nel 2018 contro il Real Madrid. La formazione della contea del Merseyside ha la possibilità di vendicarsi e soprattutto non ha nel mezzo impegni dispendiosi, così com’è il Clasico di Spagna. Un big match che risucchia energie mentali e fisiche. Un vero pericolo per i Blancos. Invece, i Reds giocheranno il 10 aprile contro l’Aston Villa, ormai ben salvo dall’eventuale retrocessione e poco costante per poter ambire ad un piazzamento in Europa.

La stagione degli inglesi non sta andando a gonfie vele, in campionato soprattutto. La possibilità di non qualificarsi per la Champions tramite i quattro posti in classifica è concreta ed è una minaccia per l’allenatore tedesco. Dunque, il superamento dei quarti di finale contro il Real sarebbe una nota positiva in un’annata un po’ storta, ma ancora da raddrizzare. Chi vincerà il doppio confronto, troverà in semifinale uno tra Chelsea e Porto. Avversari non invincibili. Insomma, la strada per la finale potrebbe essere in discesa, per l’una o per l’altra squadra. Ma c’è prima una montagna da scalare.