La Nazionale di Mancini alla prova mondiale: “Felice per Chiesa”

Roberto Mancini
Roberto Mancini (GettyImages)

Il ct Roberto Mancini ha parlato della su Nazionale e delle prove che i suoi ragazzi affronteranno a breve.

Parla a tutto campo Roberto Mancini della sua Nazionale. Il ritiro è partito, in vista delle gare contro Bulgaria, Irlanda del Nord e Lituania. Volti nuovi in ritiro e tanta attesa per comprendere il potenziale di questo gruppo che sembra crescere occasione dopo occasione, e che fa ben sperare in vista degli Europei della prossima estate, che vedranno gli azzurri tra i favoriti per la vittoria finale del torneo. Numerosi i punti sui quali si è soffermato Roberto Mancini.

Roberto Mancini parla della prima convocazione in Nazionale dell’atalantino Toloi, spiegando quanto sia utile questa chiamata, che gli darà la possibilità di conoscere il ragazzo e poi il calciatore, e comprendere quanto potrà dare ad un gruppo come quello dell’Italia. Il suo modo di giocare tra i bergamaschi, è del tutto differente in fase difensiva, ma Toloi, spiega Mancini, è un calciatore che può adattarsi in qualsiasi ruolo della difesa, e questo potrebbe essere un bene per il suo gruppo.

Leggi anche >>> Italia, i convocati del ct Mancini: due novità, ci sono anche i nerazzurri

Leggi anche >>> Road to Euro 2021, le scelte di Mancini: gli attaccanti

La Nazionale di Mancini alla prova mondiale: “Questa è la vita dell’allenatore”

Chiesa nazionale
Chiesa nazionale (GettyImages)

Parole d’elogio da parte di Roberto Mancini, per Federico Chiesa. Ormai punto fermo della sua Nazionale. Ha parlato, il tecnico ex Inter, dei miglioramenti del ragazzo negli ultimi due mesi, davvero eccezionale, e delle sue doti che possono dare davvero tanto a questa squadra. Mancini ha inoltre fatto una riflessione sul momento particolare vissuto da Andrea Pirlo, spiegando che questa è la vita dell’allenatore, ci sono gli elogi, le vittorie, ma anche le critiche ed i momenti particolarmente bui.

Si è parlato, inoltre, di Daniele De Rossi, e del ruolo che l’ex romanista potrebbe avere nello staff azzurro. Mancini ha spiegato che uno come lui in Nazionale, oggi fa molto comodo, e che si tratta di un discorso avviato già molti mesi fa. In ogni caso, c’è attesa per questo nuovo, eventuale innesto, nel gruppo azzurro. Il momento è importante, si gettano le basi per il futuro, e tutto, secondo Mancini, deve iniziare a portare dei buoni risultati.