Fiorentina, è ufficiale il ritorno di Beppe Iachini in panchina

Iachini
Iachini (GettyImages)

Beppe Iachini e la Fiorentina, ufficializzato il ritorno del tecnico che aveva salvato lo scorso anno la squadra viola.

Un ritorno quasi atteso quello di Beppe Iachini sulla panchina viola. Dopo le dimissioni di Cesare Prandelli per i motivi che l’ex commissario tecnico della Nazionale ha ben spiegato in una lettera ai tifosi, il nome più probabile per la sostituzione era proprio quello dell’ex calciatore del Venezia. La salvezza la scorsa stagione, poi un inizio dell’attuale non dei migliori, questo lo score in viola del tecnico, seguito, inoltre, da altre società di Serie A.

Iachini ed il suo ritorno, insomma, per provare a dare un senso alla stagione. Un senso che sia lontano dalla Serie B, incubo in cui, la squadra, da qualche tempo sembra essere sprofondata. Non è necessario a questo punto rilanciare solo gioco e qualità di prestazione, ma anche una condizione fisica e mentale che spesso non è stata delle migliori. Iachini, ha l compito di traghettare, con molta probabilità, la squadra verso una tranquilla salvezza.

Leggi anche >>> Prandelli lascia la Fiorentina: il calcio, i successi le tragedie

Leggi anche >>> Martinez mette la Quarta. Fiorentina in visibilio per il centrale

Fiorentina, ufficiale il ritorno di Beppe Iachini: che squadra sarà?

Cesare Prandelli
Cesare Prandelli (GettyImages)

La Fiorentina che verrà, dovrà essere quella che ha superato l’addio di Cesare Prandelli e che è pronta a lanciarsi in una corsa alla salvezza che no può e no deve trovare altri ostacoli. La Fiorentina di Iachini sarà quella concreta, forse poco bella, ma decisa ed equilibrata che ha conquistato la salvezza lo scorso anno. Iachini con il suo ritorno, dovrà provare a dare serenità ad un ambiente turbato dalle ultime vicende. Del tutto inattese.

Il ritorno di Beppe Iachini, seguito nelle scorse settimane anche dalla Sampdoria, con il futuro di Claudio Ranieri ancora incerto, dovrà per forza di cose essere caratterizzato da una ripresa quantomeno psicologica da parte dei viola. La rosa è competitiva ed ha tutte le carte per salvarsi con facilità. Al tecnico, il compito di rendere tutto ciò possibile.