Svolta epocale sui diritti tv, Dazn trasmetterà tutta la Serie A

lega sky dazn
Dazn incassa una lettera dalla Lega, e si profila la battaglia con Sky (Getty Images)

Arriva la svolta sui diritti tv, Dazn batte Sky e si aggiudica l’esclusiva sui match: trasmetterà Serie A.

Non è servito un nuovo bando per i diritti tv. Dopo 18 anni, Sky perde la gara per il triennio 2021-2014. Se la aggiudica Dazn, che dopo una lunga ed estenuante rincorsa è riuscita a superare quota 14 voti. Lo spettro di una nuovo bando è stato accantonato, così come gli screzi fra i due colossi delle trasmissioni. Nell’assemblea odierna i club hanno chiuso l’accordo, e con 16 preferenze, hanno scelto il gigante dello streaming.

Dazn si aggiudica quindi con 16 voti i pacchetti 1 e 3, con un investimento complessivo di 840 milioni di euro a stagione. Una cifra che accontenta la Lega e fa felici i club. Svolta epocale quindi, e monopolio di Sky superato da un’offerta irraggiungibile. Termina un’avventura lunga che ha rivoluzionato il calcio, e ne inizia una ancora più innovativa. Grazie ai nuovi voti in arrivo dalle società, le partite della Serie A saranno trasmesse in streaming.

La partnership con Tim ha permesso a Dazn di migliorare il segnale convincendo gli scettici, oltre a migliorare un investimento sui diritti tv che è risultato vincente. La formula prevede quindi che Dazn potrà trasmettere 7 partite in esclusiva e le altre 3 in co-esclusiva.

Leggi anche: Pali e traverse: la sfortuna perseguita i talenti della Serie A

Diritti tv Serie A, cambio di rotta che premia Dazn: i club che hanno deciso l’asta

Diritti tv Dazn
Dazn si aggiudica i diritti tv della Serie A per il prossimo triennio. (Getty Images)

I Diritti tv della Serie A vanno quindi a Dazn, che per il prossimo triennio sarà la piattaforma regina del calcio italiano. C’era bisogno di altre tre preferenze da sommare alle undici già in arrivo nelle passate assemblee. Torino, Roma e Cagliari hanno deciso la gara, premiando il colosso dello streaming che ha fatto quasi il pienone. Dazn ha infatti incassato le preferenze di Atalanta, Benevento, Bologna, Cagliari, Fiorentina, Hellas Verona, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Parma, Roma Spezia, Torino e Udinese. Contrarie invece Crotone, Genoa, Sampdoria e Sassuolo.

Diritti tv a Dazn quindi per i pacchetti 1 e 3, e resta da capire come si muoverà Sky sul pacchetto 2. L’offerta prevede la diretta in co-esclusiva di tre partite, e l’offerta giunta alla Lega è di 70 milioni.

Dopo 18 lunghi anni termina quindi il monopolio di Sky, che ha ribaltato il modo di vedere il calcio. Fra interviste, lunghe trasmissioni, telecamere innovative, e riprese che hanno portato gli spettatori all’interno del terreno di gioco, il prossimo triennio cambierà padrone. A Dazn il compito di convincere gli scettici in un’avventura che dal satellite passa allo streaming, e che cambierà totalmente il modo di vedere la Serie A.