Lega Pro e Aic insieme: i settori giovanili ed i nuovi responsabili

Lega Pro
Lega Pro logo (Facebook)

Un progetto nato per la formazione di chi è addetto a formare. Aic e Lega Pro per una na iniziativa importante per i giovani calciatori.

Il nome del progetto è suggestivo, “You’ll never walk alone”. Il pensiero fa subito ad Anfield Road e a quello che è di fatto l’inno calcistico, e non solo, del Liverpool. Ma qui, siamo da tutt’altra parte, il nome, il titolo della celebre canzone, si riferisce al progetto, ideato e realizzato dall‘Aic insieme alla Lega PRO, patrocinato, inoltre da Aips, che si pone come obiettivo la formazione di coloro che andranno successivamente a formare i nuovi calciatori.

Il progetto è entusiasmante, suggestivo, Aic e Lega PRO, uniti dalla stessa missione, andare a formare coloro che saranno i responsabili dei futuri settori giovanili, coloro che andranno con la loro formazione ed esperienza a forgiare i nuovi calciatori, a tirare su le nuove leghe del calcio nazionale. Gli allenatori primavera delle varie società di calcio, altro obiettivo, la loro formazione, ruolo delicatissimo, determinante verso chi si appresta a diventare calciatore professionista.

Leggi anche >>> Calciomercato Milan, retroscena Zidane: Ma scegliemmo Dugarry

Leggi anche >>> Fabio Cannavaro fa a pezzi il calcio italiano: Tra i peggiori al mondo

Lega Pro e Aic insieme: numerose le difficoltà nel settore

Tommasi Aic
Tommasi Aic (GettyImages)

Al centro del progetto ideato e realizzato da Aic e Lega PRO, la necessità di intervenire li dove le difficoltà maggiormente aumentano. I dati presentati in occasione dell’incontro hanno evidenziato tutte le difficoltà del caso, che spesso i responsabili incontrano nel processo di formazione di coloro i quali andranno successivamente a selezionare e formare le nuove leve. Una iniziativa di certo non semplice da realizzare in tutti i suoi numerosi aspetti.

Se da un lato Aic e Lega PRO, hanno in mente di collaborare con l’intenzione di tirare su un contesto sano e ricco di idee e progettualità, capace di intervenire passo dopo passo nel processo di formazione delle nuove leve calcistiche, dall’altro ci si scontra con la dura realtà. Una realtà che racconta di disagi e profonde problematiche nello stesso settore, spesso difficili da superare o anche soltanto da gestire.