Esonero Pirlo, per Allegri c’è un problema: Agnelli prepara il piano B

esonero pirlo allegri
Andrea Pirlo attuale allenatore della Juventus (Getty Images)

Il successo della Juve ad Udine non allontana le voci di un esonero per Pirlo: Allegri è favorito ma c’è concorrenza, e Agnelli valuta un altro allenatore di alto profilo.

L’esonero di Pirlo è un tema molto dibattuto in casa Juve. Non è servita la vittoria ad Udine per allontanare le voci di addio per l’ex centrocampista, che ha un solo obiettivo, la qualificazione in Champions League. É il traguardo minimo che Agnelli aveva posto ad inizio anno, e senza il quale partirebbe una rivoluzione immediata e drastica. L’avventura di Pirlo però non ha convinto, tanto da indurre il presidente a valutare il ritorno di Allegri, che è in cima alla lista dei desideri alla Continassa.

Un’ombra continua e pesante sull’attuale tecnico, resa ancora più pesante dai “colleghi” che potrebbero essere liberi da qui ad un mese. Oltre ad Allegri infatti potrebbe terminare l’avventura di Zidane al Real, e Simone Inzaghi non ha ancora firmato il rinnovo con Lotito. Un effetto domino possibile, che blocca tutti i discorsi. Pare infatti che ad Allegri sia arrivata una proposta di altissimo profilo. Un’idea che stuzzica l’allenatore e creerebbe un problema grande ad Andrea Agnelli.

Leggi anche: Juventus-Milan è anche di Raiola: Donnarumma e gli intrecci di mercato

Esonero Pirlo, non c’è solo Allegri: nome nuovo nella lista di Agnelli

Esonero Pirlo allegri zidane
Esonero Pirlo, Allegri e Zidane in lizza: scatta il domino delle panchine? (Getty Images)

I tabloid spagnoli raccontano della volontà in casa Real Madrid di sondare il terreno per Max Allegri. Una pista già avviata in passato, che è stata frenata dal ritorno di Zidane e da una stagione che potrebbe regalare nuovi trofei ai Blancos. Florentino Perez però valuta tutte le strade a sua disposizione, e la voce di un possibile addio dell’ex calciatore della Juve, potrebbe cambiare i piani anche dei bianconeri, e scatenare l’effetto domino.

Sarebbe difficile per Allegri rifiutare il Real, mentre Zidane potrebbe accettare un ritorno a Torino. Una strada non semplice, per due motivi chiari. Il primo è relativo all’ingresso nelle prime 4, perché senza Champions anche la caccia al tecnico di Agnelli sarebbe ridimensionata. Il secondo è legato alle possibilità di investire sul mercato. Zidane chiederebbe di sicuro nuovi innesti per puntare immediatamente in alto, e i bianconeri dovrebbero fare uno sforzo molto elevato.

Resterebbe in piedi la pista Simone Inzaghi. il suo rinnovo non arriva, ma potrebbe essere solo questione di giorni. Quelli che Agnelli dovrà sfruttare per capire se valutare l’esonero di Pirlo e accelerare con Allegri, Zidane, Inzaghi o qualche nome nuovo. Gasperini?