Roma Manchester 3-2, De Gea nel mirino dei social: “Non è possibile”

de gea indicazioni
Getty Images

Con oltre 20 occasioni, di cui 15 tiri verso la porta avversaria, la Roma esce con l’onore delle armi dall’Europa League. La semifinale di ritorno vede vittoriosi i capitolini: 3-2 contro il Manchester, De Gea super.

Esce a testa alta la Roma dall’Europa League. Contro il Manchester United il ritorno della semifinale finisce 3-2 per i giallorossi ma, al netto delle occasioni create, i giallorossi avrebbero potuto fare benissimo almeno 5 gol. Se non fosse stato per David De Gea, il portiere spagnolo che nonostante abbia incassato 3 reti è stato per distacco il migliore in campo dei suoi. Almeno 4 salvataggi clamorosi, alcuni di bravura altri di pura fortuna, sui tentativi di Dzeko e compagni, che spesso si sono ritrovati davanti un vero muro.

Leggi anche-> Mourinho fa spesa in Premier: rinforzi Roma

Non bastano alla Roma i gol di Dzeko, Cristante e l’autorete di Telles. La doppietta di Cavani rende ancor più difficile da scalare la montagna inglese per gli uomini di Fonseca, che pur chiudono la competizione con una vittoria e i tanti rimpianti per il secondo tempo dell’andata. Il rammarico è quello di uscire con 5 gol segnati al Manchester United.

Leggi anche-> Mourinho, lo stipendio alla Roma lo paga il Tottenham

Sui social i tifosi hanno vissuto intensamente la partita, commentando soprattutto (chi con ilarità, chi con più rabbia) la prestazione di De Gea. In poco tempo su Twitter il cognome del portiere spagnolo è entrato in trend, con numerosi cinguettii che lo riguardano.

Roma Manchester, De Gea star in campo e su Twitter

Di incredulità e sconforto le reazioni più condivise sui social. Su Twitter è un via vai di commenti riferiti al portiere del Manchester United, che tra primo e secondo tempo ha salvato il risultato in almeno 4 nitide occasioni. Quando non ci è arrivato lui, poi, ci ha pensato il palo a fermare il tentativo di Mkhitaryan.

C’è, però, anche chi accusa i giocatori della Roma di scarsa precisione sotto porta. “Diteme che De Gea è alto 2 metri e mezzo e largo 7 perché non è possibile che ogni tiro è addosso a lui” scrive qualcuno, evidentemente con il grande rammarico per un’impresa che, alla luce delle occasioni avute, poteva sembrare meno impossibile.