De Roon e i suoi amici: le famose maxi squalifiche per rissa in Serie A

Marteen De Roon (GettyImages)

De Roon ha ricevuto una squalifica dal Giudice Sportivo per la rissa in Atalanta-Milan: i casi simili in Serie A. 

Marteen De Roon è stato spiacevolmente protagonista di una rissa in Atalanta-Milan, costata caro con l’espulsione ed una maxi squalifica per 4 giornate. Il centrocampista olandese salterà le prossime quattro partite di Serie A – se non ci dovessero essere ricorsi – e quindi sarà assente per l’avvio stagionale dei nerazzurri.

Il giocatore dell’Atalanta ha sferrato un colpo sul volto di Krunic e successivamente spinge l’arbitro Mariani. Per il direttore di gara non ci sono dubbi e da regolamento caccia il cartellino rosso: espulsione diretta e doccia anticipata. Il Giudice Sportivo non ha potuto fare a meno di squalificare De Roon per 4 giornate, come successe per Gonzalo Higuain nel 2016.

Leggi anche >>> Portoghesi in Serie A: Dragoes e tanti trofei per i due predestinati

De Roon come Ibra ed il Pipita: risse punite con la maxi squalifica

higuain squalifica arbitro
Higuain espulso per aver spinto l’arbitro (Gettyimages)

Quel 3 aprile del 2016, Gonzalo Higuain militava nel Napoli e fu espulso in un match contro l’Udinese per aver messo le mani sul corpo dell’arbitro Irrati. Anche in quell’occasione, il Pipita ricevette quattro turni di stop, ma con un ricorso fu ridotta la squalifica a tre giornate. Un precedente che può aiutare De Roon. C’è però l’aggravante del colpo alla nuca ai danni di Krunic, che è stato già valutato dal Giudice Sportivo.

In Serie A, in tante occasioni si sono avute risse in campo e fuori. Una delle ultime – in Coppa Italia – tra Lukaku ed Ibrahimovic, squalificati entrambi per un solo turno. Ma proprio lo svedese nel 2012 fu protagonista di uno schiaffo ad Aronica, in un Milan-Napoli, sanzionato con 3 turni di squalifica e ricorso respinto.

Ma tra i più famosi casi di rissa, c’è quello tra Felipe Melo e Diego Lopez, in Fiorentina-Cagliari del 2009. I due si azzuffarono nel tunnel degli spogliatoi, tra pugni e spintoni. Entrambi ricevettero cinque giornate di stop, ridotte poi a tre.