Italia-Portogallo, Cutrone: la Nazionale interrompe la maledizione

cutrone italia portogallo
Patrick Cutrone (GettyImages)

In Italia-Portogallo, quarti di finale degli Europei Under 21, Patrick Cutrone interrompe la maledizione di questa stagione: da quanto non segna con i club. 

Quando tutto sembrava terminato, Patrick Cutrone è riuscito a strappare il disperato pareggio in Italia-Portogallo prolungando la gara degli Europei U21 ai tempi supplementari. L’ex attaccante della Fiorentina subentra a dieci dal termine e mette a segno il 3-3 all’88° minuto. Sfrutta un ottimo assist di Sottil e sorprende la difesa avversaria, siglando il suo terzo gol nel torneo. Infatti, aveva già segnato una doppietta nella sfida decisiva contro la Slovenia.

 

Il capitano della Nazionale italiana Under 21 ha interrotto così la maledizione nei club. Infatti per l’intera stagione non è mai andato a segno, pur vestendo diverse maglie e cambiando campionati durante le sessioni di mercato.

Leggi anche >>> Italia, Mancini ha pochi dubbi: caccia ad Euro 2020 e allo storico record

Cutrone, digiuno di gol con i club

cutrone italia portogallo
Esultanza di Cutrone in Italia-Portogallo (Gettyimages)

Ha cominciato con la Fiorentina; è tornato agli Wolves in Premier League a gennaio, giocando qualche partita senza lasciare il segno; ha chiuso la stagione con il Valencia, con 7 misere partite e senza marcature.

In pratica, Patrick Cutrone non segna da Fiorentina-Torino del 19 luglio 2020. In quell’occasione, mise la firma sul 2-0 definitivo ed equivale anche l’ultimo gol ufficiale con la maglia Viola.

Italia Portogallo 3-5, Cutrone non basta

La Nazionale italiana esce sconfitta ai quarti di finale degli Europei Under 21 per via del gol di Jota e Conceiçao, nel secondo tempo supplementare. Dunque, il Portogallo accede alle semifinali e batte l’Italia di Nicolato: non basta la grinta di Cutrone, il quale si divora il 4-4 subito dopo la rete subita.

Pesa sul groppone della squadra il rosso per doppia ammonizione di Lovato, il quale lascia in dieci i suoi compagni per quasi tutti i 30 minuti dell’extra-time. Ma è la formazione di Rui Jorge che supera il turno per 5-3 e incontrerà la Spagna, vincitrice contro la Croazia.