Sarri alla Lazio, è fatta: una differenza sostanziale rispetto al Napoli

maurizio sarri lazio
Maurizio Sarri (GettyImages)

Maurizio Sarri ripartirà dalla Lazio, ma non con il suo 4-3-3 che l’ha reso famoso a Napoli: l’allenatore dovrà riprendere un vecchio modulo già utilizzato in passato. 

E’ tutto pronto per la nuova avventura di Maurizio Sarri alla Lazio. L’allenatore toscano torna alla guida di una squadra di Serie A dopo appena un anno dall’esonero dalla Juventus. In Italia, ma anche in Premier League, è riuscito a raggiungere ottimi traguardi con il suo fedele modulo 4-3-3, costituito da un regista e mezzali, senza la figura di un fantasista tra le linee. Tuttavia, la storia potrebbe cambiare in biancoceleste per via della rosa.

Infatti, la Lazio non ha a disposizioni mezzali classiche e la posizione di Luis Alberto potrebbe essere più avanzata, nonché più funzionale e adatta alle sue caratteristiche. Ovviamente, la dirigenza dovrà intervenire sul mercato, a maggior ragione che si passerà da una difesa a 3 ad una a 4. Ecco come sarà la Lazio di Sarri per la prossima stagione.

Leggi anche >>> Allegri torna alla Juventus con un pensiero fisso: il nove di Bosnia

Sarri alla Lazio con il 4-3-1-2 di Empoli

Sarri
Sarri (GettyImages)

L’ex allenatore del Napoli ritroverà Reina tra i pali. Un’ottima notizia per impostare il gioco dal basso. I centrali di difesa abbondano, con Acerbi sicuro del posto da titolare. Gli esterni bassi, potranno essere Lazzari e Lulic. Entrambi ritorneranno al loro ruolo d’origine, anche se negli ultimi anni sono stati impiegati più avanti. Sarà proprio su questo reparto che la dirigenza biancoceleste dovrà intervenire e non è un caso che Elseid Hysaj sia stato accostato fortemente al club capitolino.

A centrocampo, Sarri potrebbe riutilizzare il rombo che portò all’Empoli. In regia ci sarà Leiva, accompagnato presumibilmente da Milinkovic-Savic e un altro centrale, che potrà essere Cataldi, Escalante o ovviamente un nuovo acquisto. Sulla trequarti ci sarà Luis Alberto, pronto a spaziare e ad ammattire le difese. Un ruolo che nel club toscano fu ricoperto da Saponara. Infine, in attacco tante certezze e pochi dubbi. Immobile centravanti fisso ed inamovibile; al suo fianco Correa favorito su Caicedo.

Ovviamente, ci saranno interventi sul mercato e innesti nuovi per una Lazio targata Sarri. Serviranno sicuramente nuovi acquisti in difesa e anche a centrocampo, dove c’è una carenza di uomini per utilizzare il rombo. Pochi dubbi sull’inutilizzabilità del 4-3-3, poiché la squadra biancoceleste non ha ali offensive e ci sarebbe da fare una rivoluzione totale della rosa.