Euro 2020, in 60mila senza protezioni alla Puskas Arena. I social insorgono: “Sconsiderati!”

Puskas Arena Euro 2020
La coreografia della Puskas Arena per Ungheria-Portogallo (fonte foto GettyImages)

Ungheria-Portogallo di Euro 2020 ha visto la partecipazione di oltre 60mila persone tra il pubblico, senza protezioni: i social si dividono.

Cartoline dall’Ungheria. Durante la prima gara del paese magiaro a Euro 2020, alla Puskas Arena di Budapest hanno preso posto circa 60mila persone (di cui almeno 6mila portoghesi). Senza distanziamenti, senza mascherine. Sostanzialmente senza alcun limite, come se in Europa fosse tornata la normalità. Una decisione, quella del governo ungherese, che ha diviso il popolo dei social.

Se da un lato in molti, compresi i telecronisti, hanno accolto con grande entusiasmo il ritorno del pubblico all’interno dell’Arena (va detto che tutte le persone sugli spalti sono state sottoposto a vaccino, tampone o ad altri controlli), dall’altro non sono mancate le critiche, anche piuttosto severe. Come quella di un volto noto del giornalismo sportivo italiano, Riccardo Cucchi: “Incromprensibile che a Budapest lo stadio sia pieno e non si rispettino le norme applicate nel resto d’Europa“.

Leggi anche -> Chi è Marco Rossi, l’allenatore dell’Ungheria con un passato da top player (in Fifa 97)

Puskas Arena piena a Euro 2020 per Ungheria Portogallo: le reazioni sui social

Euro 2020 pubblico Puskas Arena
Euro 2020, pubblico alla Puskas Arena di Budapest (fonte foto GettyImages)

Omogeneità, questa sconosciuta. La critica di Cucchi sembra riferita più che altro al diverso trattamento concesso dai governi alle gare degli Europei. Perché in Italia il limite è di 16mila e in Ungheria no? Perché da altre parti si è scelto l’obbligo della mascherina mentre a Budapest ci si è comportati come se nulla fosse? Domande che meriterebbero una risposta. E sui social sono in molti a leggere il ritorno del pubblico con questa perplessità: “Tutti ad esaltare lo stadio pieno, peccato che questo non è il risultato di una ottima gestione vaccinale, ma di una sconsiderata gestione della pandemia“.

Se da un lato in molti hanno dunque criticato le immagini provenienti dalla capitale magiara, c’è anche chi ha accolto il ritorno alla normalità con un più che giustificato entusiasmo. Per qualcuno “il giocatore migliore dell’Ungheria è il pubblico“, qualcun altro chiede di seguire l’esempio: “Ora torniamo anche noi così. Vaccinati e tamponati devono avere il diritto di tornare a vivere“.

Potrebbe interessarti -> Euro 2020, Ronaldo è una leggenda: nuovo record con il Portogallo

Tra i due estremi della discussione, c’è chi sceglie una terza via, quella della pungente ironia: “Puskas Arena a capienza piena, 60mila spettatori per Ungheria-Portogallo. C’è chi dal divano sta guardando la partita con una mascherina FFP3“.